venerdì 5 febbraio 2021

Una donna speciale

Una delle mie canzoni preferite degli anni 80 si chiamava "Pregherei" e vinse il Festivalbar del 1988.

Era cantata da Scialpi e da una ragazza bellissima di nome Scarlett Von Wollenmann.
Qualche tempo fa sono andato a vedere cosa ne era stato di lei ed ho scoperto qualcosa che non mi aspettavo.
All'apice del successo la sua carriera artistica si è interrotta bruscamente in una giornata qualunque a causa di un incidente automobilistico che la fa andare in coma e le procura gravi conseguenze fisiche, costringendola a vivere su una sedia a rotelle.

Scarlett chiude con il mondo dello spettacolo e, dopo alcuni anni trascorsi tra sofferenze indicibili, sballottata tra ospedali e cliniche di riabilitazione, scopre un universo insospettato, quello della solidarietà, che le ridà la vita.

Con l’aiuto dell’Unitalsi riesce ad andare a Lourdes ed a cantare davanti a migliaia di persone nelle sue stesse condizioni.

Con lei sul palco c'è Riccardo Cocciante, tra i pochi amici che non l'hanno mai abbandonata. ”Mi sono fatta desiderare un po’ troppo..ma qui è tutto così diverso…qui a Lourdes tutto è possibile" commenta.

Ed ancora ”Se un anno fa qualcuno mi avesse detto che avrei avuto soltanto un quarto dei problemi che sopporto oggi, avrei risposto: meglio morire. Invece, ad un certo punto dentro di te succede qualcosa. Non so cosa: la fede, l’amore, la speranza, Dio. Direttamente dalla tua anima viene fuori una forza straordinaria. E capisci che anche questa e’ la vita, che devi andare avanti. Perche’ se sono rimasta in vita ci sara’ un motivo. Ci deve essere. E quel motivo voglio scoprirlo. E, credetemi, sono una ragazza testarda”.

“Sono paraplegica, tetraplegica, incompleta. Soffro. Per lenire i miei dolori ho provato di tutto: dall’ aspirina alla morfina. Ma io non mi arrendo, non dobbiamo arrenderci".

Il video che segue è dell’11 febbraio del 2000, quando partecipa al Concerto del Giubileo degli Ammalati cantando davanti a Sua Santità Giovanni Paolo II con Riccardo Cocciante, dopo una breve testimonianza della sua rinascita.

Adesso Scarlett ti trovo ancora più bella...





19 commenti:

  1. La ricordo bene questa canzone bellissima e anche io andai a cercare scialpi invece per sapere che fine avesse fatto .Questa notizia di Scarlett mi ha molto molto toccata ,non sapevo nulla ,è apprezzo molto che tu ne abbia scritto un post,integra straordinariamente il valore stesso del tuo blog.L'Amore e la sua energia illumina anche laddove si entra in un tunnel buio .Grazie per questo post e questa testimonianza che dona una grande forza !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te che sei sempre sensibile e attenta alle cose che scrivo!!!
      Un bacione

      Elimina
  2. Caro Luigi, sai che non la ricordo!!!
    Ciao e buona giornata con un forte forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Articolo interessante e strabiliante
    Un saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo i fatti di cui narri ma la canzone e i bravi interpreti sì. Ogni succo viene da una spremitura e quello della cantante s'è fatto medicina e forza.
    Grazie per averne scritto.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Sari!!!
      Splendido week-end anche a te

      Elimina
  5. Povera donna, deve avere avuto bisogno di una dose di forza tutt'altro che irrisoria :(
    Mi spiace abbia avuto questo triste destino e sono contenta tu ne abbia parlato perché era una storia che non conoscevo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha sorpreso anche me cara Sara!!!
      Ti auguro una bella serata

      Elimina
  6. Mamma mia, davvero emozionante e lei ancora straordinariamente bravissima! Wow!
    Non la ricordavo ma Pregherei e Scialpi sì. Un tempo ero una gran fan di lui.
    Grazie Luigi per questo tuo bellissimo articolo che ho gradito tanto. Ciao e buon fine settimana! 💋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per aver letto ed apprezzato!!!
      Un bacione

      Elimina
  7. la bellezza è un concetto relativo. mi è capitato di avere a che fare con ragazzi affetti da sindromi che li rendevano quasi repellenti. ebbene, con il tempo e con l'instaurarsi di un rapporto affettivo, a me sembravano non dico belli ma gradevoli, e non avrei cambiato il loro dismorfismo, che li rendeva unici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è capitato anche a me cara Silvia in una attività di volontariato a Fatima: alla fine non riuscivo più a staccarmi da loro!!!
      Mistero del dolore...

      Elimina
  8. Ciao Luigi. Interessante il tuo blog e i tuoi pensieri. Domani scriverò di più. Ora sono stanca. Perdonami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tranquilla Lucia, non c'è fretta!!!
      Un sorriso

      Elimina
  9. Grazie per questo bellissimo articolo dedicato a Scarlett,e' una donna speciale,forte e coraggiosa che lotta quotidianamente e non si arrende mai nonostante la sofferenza che vive ogni giorno da quasi 26 anni♥️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Lucia, per la sensibilità e la sintonia.
      Un sorriso

      Elimina