mercoledì 29 aprile 2020

basterebbe solo un giorno...

"Basterebbe solo un giorno senza aborti e Dio concederebbe la pace al mondo fino al termine dei giorni"; San Pio da Pietralcina. 
Se al posto della malaria scriviamo la parola aborto arriviamo alla cifra mostruosa di circa sei milioni di bambini uccisi ogni anno nel mondo.
Circa 80 mila all'anno solo in Italia, quasi il triplo delle vittime sinora causate dal covid 19 nel nostro paese.
Negli ultimi 40 anni l'aborto ha fatto piu' vittime di tutte quelle uccise dal delirio di Hitler, dalla follia di Mao e dalla crudeltá di Stalin messe insieme.
Contro il virus dell'aborto pochi combattono: l'occidente sembra indifferente di fronte a questa pandemia demoniaca, nonostante colpisca gli esseri umani piu' indifesi e bisognosi di tutela che esistono al mondo.
E' una pandemia che uccide anche la coscienza di chi vi e' coinvolto, quella dei governanti che non fanno nulla per evitarla; quella degli organi di informazione (il quotidiano Repubblica, in primis) che attaccano chiunque cerchi di arginare questo crimine orrendo. 
Qualche giorno fa mi ha colpito un manifesto affisso per le strade di Verona, nel quale si denunciava a caratteri cubitali l'uccisione di milioni di pulcini all'anno per la produzione delle uova commercializzate: per i bambini in attesa di vedere la luce invece nessuno si scandalizza, valgono meno addirittura di un pulcino.
Se questa è' la civilta' che abbiamo costruito fino ad oggi allora temo che quello che sta succedendo in questi mesi sia solo un pallido assaggio di quello che ci attende nei prossimi anni.






16 commenti:

  1. Ti sta a cuore la vita...è molto chiaro ...e se ti sta a cuore la vita ti sta a cuore l'amore!

    Ogni bambino ucciso è un fallimento nell'Amore...la vedo così e non ho mai trovato una ragione che possa giustificare tale mancanza.

    Lo so è triste il paragone bambino ucciso, pulcino ucciso.

    Caro Luigi se non acquisiamo la sensibilità umana come potremmo mai acquisirla sugli animali ,è un controsenso!

    Chissà quanta evoluzione ancora da intraprendere spetta ai nostri discendenti ...fino ad arrivare all'armonia tra umani animali natura .

    RispondiElimina
  2. in questo modo, peraltro, facciamo il gioco del demonio che odia i bambini perché ricordano all'umanità l'umiltà, l'innocenza e la purezza perdute, virtù che più di tutte non sopporta e cerca di combattere con tutti i mezzi.

    RispondiElimina
  3. È una guerra silenziosa tra la vita e la morte. È un argomento che mi tocca molto e mi addolora. :-(
    Sai qual è la cosa peggiore? Che quando ne parli ti aggrediscono verbalmente tutti... e questo dimostra quanto è facile convincere la gente che il male è bene e il bene è male. Che tristezza.
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addolora molto anche me amico mio, ma è stato tutto previsto secoli fa:
      "Verrà un giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. Tu però vigila attentamente, sappi sopportare le sofferenze, compi la tua opera di annunziatore del vangelo, adempi il tuo ministero"; S. Paolo a Timoteo (2 lettera, 4).
      "Guai a quelli che chiamano bene il male, e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l'amaro in dolce e il dolce in amaro"; Isaia, 5, 20.
      A noi non resta altro che seguire il consiglio di Paolo nella stessa lettera: "annunzia la parola, insisti in ogni occasione opportuna e non opportuna, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e dottrina".
      Chissà che qualcuno non si ravveda...
      Buona giornata

      Elimina
    2. "A noi non resta altro che seguire il consiglio di Paolo nella stessa lettera: "annunzia la parola, insisti in ogni occasione opportuna e non opportuna, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e dottrina"...forse in questa materia un po di religione centra anche,ha sempre a che fare con quella forma di verità,non credi?:)

      Sai bene che non potevo non ringraziarti...Grazie di cuore,nessuno meglio di te avrebbe potuto dare una risposta così competente,il problema è che si viaggia spesso dietro all'ideologia dominante senza minimamente ragionare con la propria testa.Ha di certo un senso anche questo.. ti lascio un grande abbraccio!



      Elimina
    3. un grande abbraccio a te!!!

      Elimina
  4. Molte volte è un bene che io resto anonima senza possibilità di entrare in qualche blog dove ancora si fa distinzione tra la vita di un feto e quella di un bambino,come se la prima escludesse l'altra ,senza capire o sentire che fanno parte dello stesso valore di vita.

    È un bene che io non entri in quei luoghi , altrimenti la mia ira esploderebbe come quella di Cristo che rivolta bancarelle e mercatini ...

    Non penso ti è difficile sapere a cosa mi riferisco basta dare un occhiata ai blog che frequenti...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti comprendo benissimo: d'altra parte bisogna dialogare con tutti senza escludere nessuno, perché solo attraverso l'amicizia e l'affetto passa la verità!!!
      Ti abbraccio anch'io

      Elimina
    2. Il problema grave, a mio parere, non è chiedersi se prevalga il diritto della donna di accogliere l’embrione contro il parere del coniuge, ma di verificare quale sia il miglior interesse del figlio, che certamente quando è in uno stadio embrionale non può che aspirare a proseguire il suo sviluppo biologico fino a realizzare, con la nascita, la piena partecipazione alla vita umana.
      E per risolvere tale problema non è necessaria la fede o la religione: basta un minimo di intelligenza e il buon senso!!


      Centrato in pieno una delle questioni fondamentali ,dove spesso quel buon senso si fa a farsi benedire se non aprendo altri scenari che ricadono in un circuito tipo il cane che si morde la coda ,perdendo di vista completamente il rispetto verso una vita che se ne sta lì ad aspettare la sua sorte tra tanti contendenti...

      Oddio quanta scarsa evoluzione spirituale...quanta strada c'è da fare ancora.


      Se noti in queste situazioni quasi con orgoglio l'ateo si sente in dovere di puntare il dito verso i credenti (in altri casi accade anche il contrario) perdendo il senso dell'Amore che invece è lì ad attendere che qualcuno si accorga della sua esistenza ,presenza e verità...


      Ti ringrazio dal profondo per aver dato in parte voce a quel Senso ...

      Elimina
    3. grazie a te per avermi dato la dritta!!!

      Elimina
    4. -bisogna dialogare con tutti senza escludere nessuno, perché solo attraverso l'amicizia e l'affetto passa la verità!!!

      Sono felice di questa tua veduta che condivido ...ma mo ti farò sorridere
      A parte che io non partecipo al banchetto (blog che ti escludono e ti lasciano nel calderone dell'anonimo sinonimo di heater) se non con una prova di identità (anche fasulla)...ma a parte questo nessuno comprende che da qualche fessura io ci passo comunque e do voce a quella Essenza..

      Vedi ho apprezzato tantissimo i tuoi interventi ma temo si è perso il valore del post ,dove l'obbiettivo non viene messo a fuoco se non con il bisogno di avvalorare una tesi personale che calpesta etica ,morale aspetto umano e soprattutto il rispetto della vita dal momento che lo è a tutti gli effetti nell'atto stesso del concepimento.Era prevedibile al mio sentire lo sviluppo della questione ,mi sono bastate due parole che sono quelle a cui in mattinata facevo riferimento ...da lì ...da qui ogni seguito per me è nullo se non come avvaloramento di "voler esserci" in un potere decisionale su quel piccolo Essere che viene soppresso !!Di Chi stiamo parlando??Non di cosa .

      Grazie a te e buona serata

      Elimina
    5. almeno ho fatto un po' di chiarezza...

      Elimina
    6. Non avevo dubbi e sempre ti ringrazio:).

      Elimina
  5. -Se questa è' la civilta' che abbiamo costruito fino ad oggi allora temo che quello che sta succedendo in questi mesi sia solo un pallido assaggio di quello che ci attende nei prossimi anni.

    Come volevasi dimostrare,vedo estremismi di ogni genere in questi giorni.. .molto poche le persone che capiscono la gravità di un gesto simile,e quando cercano di farlo anche nei migliori dei modi, esce sempre qualcuno che vuole prevaricare,commettendo un duplice errore,uno quello di non aver capito che si gioca con la vita di un bambino all'ennesima potenza,l'altro che la sua ideologia mette in atto un aborto premeditato già verbalmente in un dialogo (su cui onestamente non si dovrebbe nemmeno discuterne)verso chi protegge vite umane.Non so se mi sono spiegata.

    Il problema è che vedo uomini spalleggiare il "diritto"della donna all'aborto.Trovata la legge trovato l'inganno...e questo un po in tutte le cose.Io piango per questa assenza di spirito,come intervenire,come far capire quanto sia errato parlare di diritto senza comprendere il dovere ,il rispetto e l'amore per la vita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è chiaro che i giudici americani hanno toccato un nervo scoperto: uno dei punti nevralgici su cui si combatte la battaglia tra la vita e la morte, il bene e il male, Dio e satana. Si social però lo scontro e la contrapposizione non pagano: occorre trovare un terreno comune di dialogo e poco a poco condurre le persone di buona volontà a smascherare l'inganno che sta dietro la più grande sciagura che l'umanità possa commettere: impedire ai propri figli di nascere!!!

      Elimina
    2. ,"occorre trovare un terreno comune di dialogo e poco a poco condurre le persone di buona volontà a smascherare l'inganno che sta dietro la più grande sciagura che l'umanità possa commettere..

      Sono d'accordissimo con te,se hai tempo e piacere sono sul nuovo post di mrloto.È un argomento a cui tengo molto e mi rendo conto che se si è profondamente coinvolti su certe tematiche ,devi anche saper ponderare tra il silenzio e la chiamata in causa ,prima che sfocia in indifferenza.

      Grazie,buona serata

      Elimina