venerdì 20 gennaio 2012

Joyeux noel

E' una storia vera ma sembra una favola.
Ne è stato tratto un film: "Joyeux noel", uscito nel 2005, che ha avuto diversi riconoscimenti.

24 dicembre 1914. La Grande Guerra infuria nonostante sia la vigilia di Natale; in Francia, sul fronte della battaglia, tra le trincee francese, tedesca e scozzese, viene decisa una tregua, rimasta poi famosa come la “tregua di Natale”.

La tregua prende avvio grazie alla musica: gli scozzesi hanno rimediato delle cornamuse, e cominciano a suonare "I’m dreaming of home".
Nella trincea tedesca c’è un famoso tenore che sta cantando canzoni natalizie
per i commilitoni, quando sente le cornamuse scozzesi che intonano con lui
"Silent Night" si commuove profondamente.

Cominciano a spuntare poco a poco dalle trincee alberelli addobbati a festa e corone di alloro, fino a che un soldato prende il coraggio a due mani ed esce allo scoperto invitando i nemici a festeggiare il Natale.

Sembra incredibile ma nessun nemico ha il coraggio di sparargli e lentamente tutti i soldati escono allo scoperto.

I comandanti dei tre schieramenti, allora, si ritrovano in terreno neutrale per stabilire una tregua, almeno per il giorno di Natale.
E così i soldati dei tre schieramenti si ritrovano tutti insieme in quella che solitamente è la terra di nessuno, scambiandosi vino, cioccolato, foto di mogli e fidanzate, e venendo a scoprire che il nemico, alla fin fine, non solo non è diverso da te, ma alle volte ti somiglia proprio tanto.

E siccome il Natale è una festa religiosa, non si fanno mancare una messa, celebrata ovviamente in latino, in modo che tutti i soldati possano seguirla in una lingua probabilmente conosciuta e familiare.

Ma la tregua continua anche il giorno dopo, quando il tenente tedesco si affaccia timidamente sulla trincea francese per avvisare il pari grado “nemico” che l'artiglieria tedesca sta per colpirli, e li invita quindi a rifugiarsi nella loro trincea, insieme ovviamente agli scozzesi, cosa che puntualmente avviene.
Dopo l’attacco è prevista una controffensiva, quindi il favore viene ricambiato dai francesi, e i tedeschi sono messi in salvo nelle trincee nemiche.

Il film è bellissimo, commuovente e pieno di speranza, nonostante il finale un po’ triste: le ultime scene del film ci mostrano i soldati tedeschi in un vagone militare pronti ad essere trasferiti sul fronte orientale che, dopo essersi presi una bella ramanzina dal loro superiore, intonano a bocca chiusa la melodia della canzone imparata dai nemici.

Talvolta la realtà è più bella di una favola.


48 commenti:

  1. Grazie Luigi...una bellissima storia/vissuta, che ci ricorda che abbiamo tutti un cuore...
    ed Esso riconosce solo una Parola "Amore"...
    sereno divenire..
    un caro saluto..
    dandelìon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa strana è che non se ne è mai parlato molto: forse perchè era una storia imbarazzante per i vertici militari!!!
      Un saluto a te

      Elimina
  2. L'ho visto!!!
    E' stupendo. E' una sinfonia contro la stupidità della guerra. Quando farò un laboratorio o un'unità didattica contro la guerra, lo farò vedere senz'altro ai miei alunni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi la musica è stupenda!!!
      Buona serata

      Elimina
  3. Lo vedrò anch'io... grazie Luigi, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che ti piacerà Sonia!!!
      Grazie a te

      Elimina
  4. Molto bella, mi piacciono queste storie dove l'uomo armeggia con armi e cuore e fa prevalere la sua grazia e il suo amore.

    RispondiElimina
  5. è anche una storia di coraggio: perchè nell'amore c'è sempre bisogno che qualcuno faccia il primo passo!!!
    Buon week end Cristina

    RispondiElimina
  6. conoscevo questa storia ma non sapevo ne avessero tratto un film: spero di vederlo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pare che abbia avuto poca diffusione nel nostro paese; però vale la pena vederlo e farlo vedere!!!

      Elimina
  7. Non ho mai visto questo film; il racconto che ne fai mi ha fatto venire i brividi...immagino che vedere certe scene mi farà di sicuro piangere. Troppo bello davvero e spero mi sia data l'occasione di apprezzarlo un giorno o l'altro. Grazie
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Paola, per la sensibilità e l'attenzione!!!

      Elimina
  8. Ciao Luigi commoventi queste scene ci fanno capire che se vogliamo il mondo può vivere in pace e fratellanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e soprattutto dimostra che neanche la guerra può cancellare l'eguale dignità di ogni essere umano!!!

      Elimina
  9. Potere di un neonato inerme ma Figlio del Creatore...

    Gioioso weekend, amico mio dolcissimo!

    M@ddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon week-end anche a te cara Maddy: anche i cannoni hanno il dovere di fermarsi di fronte al Dio che si fa Bambino!!!

      Elimina
  10. una storia da pelle d'oca,ciao Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Graziella!!!
      Buon fine settimana

      Elimina
  11. Visto! L'ho usato anche in classe, per approfondire la I guerra mondiale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non avevo dubbi Tiziana, conoscendo il tuo acume didattico!!!

      Elimina
  12. ciao Luigi grazie del racconto, molto commovente davvero, dimostra che anche nelle guerre l'umanita'e la fratellanza rimane, soffocata cque dalle circostanze imposte, ciao grazie a presto rosa buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona domenica a te Rosa!!!
      A presto

      Elimina
  13. Che storia meravigliosa, non capisco perchè per l'essere umano sia così difficile agire nell'amore piuttosto che nel dolore...buon week end, Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. talvolta c'è solo bisogno che qualcuno prenda l'iniziativa Barbara!!!
      Buona domenica

      Elimina
  14. Luigi, davvero commovente. Non l'ho visto il film, ma ancora una volta bisogna dire: "Che brutta, stupida e ingiusta cosa è la guerra!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacerà senz'altro Ambra!!!
      A presto

      Elimina
  15. La realtà è sicuramente più bella di una favola!
    Un saluto e un sorriso!
    :-)

    RispondiElimina
  16. non lo conoscevo, storia meravigliosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da far conoscere sempre di più!!!
      Buona domenica

      Elimina
  17. Mi sono commossa solo a leggere la tua recensione! Devo vederlo questo film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti è molto commuovente!!!
      Ma le lacrime fanno sempre bene no???

      Elimina
  18. Commovente ed emozionante racconto, Luigi.
    Un sorriso a te.

    RispondiElimina
  19. Guerre d'altri tempi. Ora non sarebbe mai possibile, perchè anche la guerra si è disumanizzata (se così si può dire...). Quando hai di fronte non altri uomini, ma bottoni da pigiare, i coinvolgimenti emotivi sono molto rari.
    Ricordo De Andrè, che ne "La guerra di Piero", ha ben descritto la situazione del tuo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é una cosa che ho pensato anch'io!!!

      p.s. quella di De Andrè però finisce male!!!

      Elimina
  20. Il film non l'ho visto, ma cercherò di trovarlo. E' una storia davvero commovente, bellissima. Il Natale è riuscito a risvegliare quei sentimenti d'amore e solidarietà per "l'altro" che, a nome di un principio o interessi, nelle guerre vengono soffocati. Ciao, Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è talmente bella che si stenta a credervi!!!
      Buona settimana

      Elimina
  21. Ah! Caro Luigi ... mi cogli impreparata, perchè di fatto non conosco il film ... magari lo vedrò, visto che il tuo racconto mi ha convinta ... poi forse potrò esprimere un giudizio! nel frattempo ti lascio un caro saluto, a presto ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un caro saluto anche a te Stefy!!!

      Elimina
  22. Mi toccherà noleggiarlo questo film che purtroppo non conoscevo ... la tua descrizione mi ha messo curiosità, specie perchè ... è tutto vero.
    Ciao
    Andrea

    RispondiElimina
  23. Luigi,
    ho appena sentito alla tv del terremoto di stamani a Milano e a Verona...
    ...come stai?
    Puoi rassicurarci?

    Un bacio...

    M@ddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto bene cara Maddy: sto scrivendo un post su quanto sta accadendo!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  24. non ho mai visto questo film, dalla tua recensione deve trattarsi di uno diquelli che ti lasciano dentro qualcosa.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è senz'altro così cara Rita!!!
      A prestissimo

      Elimina
  25. Grazie a Dio, amico mio!
    Aspetto il post...

    M@ddy

    RispondiElimina