lunedì 16 gennaio 2012

gennaio fa brutti scherzi

Hai gambe e braccia fiacche? Il lavoro ti deprime? Quando hai abbandonato le calde coperte del tuo letto ti è sembrato di morire? Il caffè sapeva di bruciato? Non ti sopporti perché tutti quei buoni propositi di inizio anno sono andati in fumo? Hai litigato con mille persone nel traffico?
Non disperare la situazione non è così tragica è solamente il mese di gennaio: il più deprimente dell’anno. Questo è quanto si afferma all’Università di Cardiff, nel Galles, i cui ricercatori hanno definito una formula matematica che tiene conto delle condizioni climatiche, del tenore di vita e della lontananza dalle vacanze:


[W + (D-d)] * TQ
M * NA


W = condizioni climatiche
D = debito
d = salario
T = distanza dal Natale
Q = tempo trascorso dal fallimento dei buoni propositi
M = stato emotivo
NA = necessità di fare qualcosa

«Anche se le giornate iniziano ad allungarsi dal 21 dicembre, è a gennaio che il tempo lascia le sue tracce peggiori», precisa il dottore Cliff Arnall, l’inventore del teorema, «sempre a gennaio accade una cosa molto strana: nei primi 6 - 7 giorni facciamo grossi programmi per migliorare la nostra salute (dieta, smettere di fumare, ritornare in forma) e bastano 3 – 4 settimane per comprometterli e abbandonarli. Inoltre ogni benefico residuo delle vacanze tende a scomparire ed ecco che si arriva a gennaio nelle condizioni peggiori».
Generalizzazioni a parte, per onor di cronaca va precisato che questo teorema è stato commissionato da tour operator inglesi per pianificare al meglio le loro campagne promozionali.
«Le persone vogliono andare in paradiso quando si sentono in inferno», ha dichiarato alla BBC Alex Kennedy un esperto di relazioni pubbliche della City. «prenotare un viaggio, magari anche per l’inverno successivo ridona voglia di fare, ottimismo e vitalità».

Purchè non sia una crociera...

41 commenti:

  1. Ciao Luigi, devo dire che mi ci ritrovo parecchio in questo post,nonostante mi stia preparando per iniziare un corso di escursionismo invernale con racchette da neve con il Club Alpino della mia zona, sento che non mi dispiacerebbe anche un bel letargo di un mesetto o due eh eh.....le crociere non le ho mai fatte e non mi sono nemmeno mai piaciute, mi è sempre sembrato che stare tanto tempo su una nave fosse come chiudersi in una gabbia dorata mentre il mondo là fuori è pieno di cose belle da vedere sulla terra ferma....non avevo tutti i torti..e io so nuotare e ho nuotato anche in mare aperto....ma le navi non mi piacciono proprio.....Buon gennaio!!!Ciao, Barbara

    RispondiElimina
  2. Grazie Luigi, questo tuo post mi consola
    Buona giornata attendendo la primavera

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. @ Barbara: siamo molto simili allora Barbara; anch'io preferisco stare all'aria aperta!!!
    Buone escursioni allora

    @ Simo: era proprio il mio intento cara: consolare e consolarci!!!
    A presto

    RispondiElimina
  5. Spettacolo di post Luigi...io penso alle vacanze estive...fai te!

    RispondiElimina
  6. Luigi Caro...stamane alle 7.30 mi ha accolto un paesaggio ricoperto dal gelo...
    il Cielo avvolto nella nebbia creava una tela sulla quale si posavano vigneti dai rami irretiti dal gelo...
    candido risveglio...
    per partire con il piede giusto, bisognerebbe farsi dono di un momento di ascolto...
    lo stupore di trovare ogni mattino una novità...
    e chi meglio di Madre terra sà donarsi e rinnovarsi perpetuamente?
    Sereno divenire Amico Caro..
    un caro saluto..
    dandelìon

    RispondiElimina
  7. @ Laura: brava; è cosi che si fa!!!
    Un sorriso

    @ Dandi: anche a Verona il paesaggio era uguale a quello da te descritto; però adesso è uscito già il sole!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Curioso il teorema! Però in effetti avevo già notato che in Gennaio si fa più fatica ad alzarsi il mattino, spesso c'è un po' di depressione ... Forse il teorema ha azzeccato in pieno.
    Prenotare una vacanza sì, ma, d'accordo con te, per carità, niente crociera...

    RispondiElimina
  9. ciao Luigi interesssante questa teoria, in effetti a gennaio noto sempre una specie di apatia, pensavo fosse dovuta al dover riiniziare tutto, speriamo che passi a questo punto, almeno ci tiriamo un po' su, ciao grazie a presto rosa buona giornata e settimana:)

    RispondiElimina
  10. Penso che si tratti di una cosa vera: anche io mi sento appesantita la mattina, vorrei tanto stare a letto... ma c'era bisogno di uno studio scientifico su questo?!

    RispondiElimina
  11. anche per me il teorema è curioso, e la vacanza a febbraio l'ho quasi sempre fatta ,potendo rinunciare le vacanze d'agosto, infatti fra 15 giorni parto per il mio mare che d'inverno è una meraviglia senza il carnaio e le spiagge con i gridi dei gabbiani e dei bambini sono un ottimo antidepressivo

    RispondiElimina
  12. Ciao Luigi bisogna avere avere un progetto a lunga scadenza così ci sarà sempre la voglia di continuare ed andare avanti,
    buona serata.

    RispondiElimina
  13. @ Ambra: meno male che ci sono questi fior di scienziati che si preoccupano per noi!!!
    Un saluto cara

    @ Rosa: bisogna prenderlo di petto questo mese e non cedere allo scoraggiamento!!!
    Buona settimana Rosa

    @ Palmy: forse no Tiziana, però sapere che succede anche ad altri un pò aiuta a non sentirsi un caso unico e disperato!!!

    @ Giò: tu si che la sai lunga allora; buone vacanze invernali e ...torna presto!!!

    @ Tiziano: tu si che sei una persona saggia, amico mio, sapessimo imitarti tutti!!!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  14. ...rispecchia un po' il mio essere: buoni propositi, poche realizzazioni con conseguenti malumori. Sarà che sono nata a gennaio????

    RispondiElimina
  15. Allora posso dare forma matematica a quel vago senso di insoddisfazione degli ultimi giorni! In matematica sono una schiappa, eppure questo mi rassicura!

    RispondiElimina
  16. Invece noi gnomi siamo di buonumore tutto l'anno

    RispondiElimina
  17. Ehi, cambiato stile? Simpatico questo post leggero, e molto condivisibile. Mi ci ritrovo in pieno con i miei goffi tentativi di jogging natalizio! :D

    RispondiElimina
  18. Ciao Luigino,
    io sarò pure una voce fuori dal coro, ma quest'inizio d'anno m'ero ripromessa di rimettermi in carreggiata sotto alcuni punti di vista ben definiti, e ce la sto facendo, con somma soddisfazione e in barba a depressioni da fallimenti...
    ...ma sappiamo entrambi COME si riesce al meglio in OGNI cosa...

    Un bacione !!!!!!

    M@ddy

    RispondiElimina
  19. @ let: tanti auguri allora!!!
    Vedrai che tra qualche settimana andrà tutto a posto
    Un sorriso

    @ Occhi profondi: anch'io in matematica non ho mai combinato niente sai; mi hanno sempre salvato le lettere!!!
    Coraggio

    @ Gnomo: un po' come gli hobbit!!!
    Salutami la Vele

    @ Dona: jogging natalizio?????
    Ma continui a stupirmi!!!

    @ Maddy: come ti capisco cara; anch'io sto vivendo un gennaio pieno di sorprese!!!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  20. Caro Luigi, avevo già orecchiato qualcosa sulla "negatività" di gennaio: pare che proprio a gennaio e ad agosto ci sia il più alto tasso di mortalità dell'anno ... Il problema è sentirsi in pace: con se stessi e le aspettative su se stessi, con la propria visione del mondo, con i propri cari, con la natura. Cosa sommamente difficile. Ma forse è proprio questa la vocazione a cui siamo chiamati.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti non ho riportato il dato sull'alto indice di suicidi per non spaventare nessuno: volevo essere incoraggiante!!!
      Hai proprio ragione la vocazione a cui siamo chiamati è quella di morire provando a viverla quasta vita: affinchè la morte ci colga vivi!!!
      A presto

      Elimina
  21. Comunicazione di servizio: Puoi rispondere a ciascun commento singolarmente cliccando su "rispondi". Beato te che ti funziona, a me no!!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me ne sono appena accorto: come sai sono un po' lento di comprendonio nelle questioni informatiche!!!

      Elimina
    2. Ma dài! :) Più comprensibile e ordinato così, no?

      Elimina
  22. ahah... e se la matematica non è un'opinione!!!!
    Ma il benessere è quantificabile????
    mah!!
    simpatica e bizzarra idea, ma alla fine condivido se non il metodo la conclusione... gennaio non è il mio mese preferito, soprattutto pr il freddo e per l'influenza coff coff, sigh sigh

    RispondiElimina
  23. Non riesco proprio a immaginarti meteopatica Rita: trasmetti gioia di vivere da ogni poro!!!

    RispondiElimina
  24. il teorema mi calza abbastanza,(sarà perchè sono una matematica?),soprattutto per i buoni propositi che vanno in fumo.Anche se sono allungate le giornate,mi manca la luminosità della primavera,e lo stimolo a fare passeggiate,bloccata dal freddo,buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male che c'è la tua arte ad accendere le giornate!!!
      E i nipotini...
      A presto

      Elimina
  25. Ciao Luigi! e ti pareva ... sono sempre l'ultima ç__ç ... ad ogni modo trovo simpatico ed interessante questo post!! ora mi spiego un pò di cose ... solo che effettivamente mi capita in più mesi, non sempre solo a gennaio ... chissà! grazie della condivisione, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i mesi più a rischio sembra siano gennaio e settembre!!!
      Coraggio: il peggio è passato!!!
      Un sorriso

      Elimina
  26. Come dar torto a cotanti luminari?
    Vivo questo gelido gennaio con "la neve nel cuore" come dice qualcuno...attendo una primavera...una qualsiasi...

    Besos
    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arriverà: non disperare!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  27. CARO LUIGI .
    E vero quando dici che la vocazione a cui siamo chiamati è quella di morire provando a viverla questa vita: affinchè la morte ci colga vivi!Caro amico;La vita non ci regala un bel niente . Per vivere si è costretti ad agire in un determinato modo che non ci permette di vivere totalmente, intensamente ogni minuto della nostra vita.Vorrei imparare anch'io a giocare, ma anche saper perdere, ma è importante ogni volta continuare a rimetterci in gioco.I nostri nonni dicevano: "Chi troppo in alto sale cade sovente precipitevolissimevolmente :-))))
    CIAO LINA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita non ci regala niente perchè tutto è dono: quando comprenderemo questo vivremo più sereni!!!
      Buona serata Lina

      Elimina
  28. Caro Luigi,
    so per esperienza come sia vero quello che dici.... in questo periodo io ho sempre un po' di apprensione..come quando si sta alla finestra a guardare se arriva una burrasca. . . Poi penso che potrebbe , invece della burrasca, arrivare la neve: anch'essa è gelida e mortale (se non ti copri :=))...ma è bellissima e vorrei per una volta soltanto poter risplendere del suo candore...
    un abbraccio
    e grazie della tua scorsa visita (anzi scusa se non ho risposto...)
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero Cris: abbiamo bisogno anche del candore della neve per poter apprezzare di più i colori della primavera!!!
      Un abbraccio a te

      Elimina
  29. allora faccio bene a non fare buoni propositi per l'anno nuovo XD ora che lo dice pure la scienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu sei brava Fede: riesci anche ad attuarli i propositi che fai!!

      Elimina
  30. Che interessante... questo codice ha troppo ragione...
    Buon fine settimana...

    RispondiElimina
  31. Buon fine settimana anche a te cara!!!
    A presto

    RispondiElimina