sabato 1 aprile 2017

cosa ci manca

Ogni mancanza rimanda a una pienezza.
Una mancanza presuppone sempre una presenza.
Non possiamo sentire il costante bisogno di qualcosa se l'oggetto dei nostri desideri più profondi non l'abbiamo mai visto ne conosciuto.
Se percepiamo che qualcosa di indispensabile ci manca è segno che almeno una volta nella vita abbiamo sperimentato quella pienezza, seppur solo per qualche attimo.
Ogni uomo sente dentro di sé un abissale desiderio di felicità piena e duratura che lo spinge a cercarla senza soste.
Allo stesso tempo percepiamo che ci manca sempre qualcosa per raggiungerla pienamente, anzi, avvertiamo che la nostra condizione umana è molto distante dalla meta desiderata.
Ma questo non ci consente di concludere che la felicità è un illusione, anzi, ci autorizza a credere proprio il contrario.
Perchè sarebbe ancora più assurdo avvertire un bisogno così radicato di qualcosa che non esiste.
Se sento che mi manca so già, solo per questo, che essa esiste.
La felicità può essere il fine del vivere solo perchè ne segna l'inizio.
Se, infatti, la felicità è proprio quella cosa essenziale che tutti desideriamo, dove la conoscemmo per volerla così?
Dove l'abbiamo vista per amarla?
Se infatti non la conoscessimo non l'ameremmo.
L'amore per la felicità, allora, non può essere il mero "prodotto" del desiderio, ma al contrario è ciò da cui il desiderio, riconoscendo o ricordando un'esperienza più grande di sé, comincia a sbocciare veramente.
Ripetiamo allora la domanda: dove l'abbiamo vista per amarla così tanto?
La risposta giusta, come sempre, ce la offre la Teologia non la filosofia.
E' Dio che crea le anime, e le crea a Sua immagine.
Per questo l'anima conserva la somiglianza con Dio, e ne serba il ricordo anche quando il peccato originale ne ferisce l'integrità e le fa perdere quella pienezza di felicità di cui godeva nel seno di Padre.
E' per lo stesso motivo che continuiamo a coltivare il sogno della felicità perduta e nutriamo la speranza, pienamente fondata, di riconquistarla un giorno, quando ritorneremo nel seno del Padre.

32 commenti:

  1. La felicità : una ricerca perenne, una meta ambita, un percorso impervio e mai, forse, concluso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse un giorno si concluderà caro Costantino!!!
      Buon weekend

      Elimina
  2. Risposte
    1. è proprio così Manù: la filosofia formula le domande ed alla Teologia tocca dare le risposte!!!
      Ti auguro una buona serata

      Elimina
  3. Ciao Luigi!
    Da dove attinge queste parole nel post?

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ha ispirato una persona a te molto cara; grande santo e grande filosofo!!!

      Elimina
    2. Una persona a me molto cara!Immagino che chiederti come tu conosca questo sia superfluo...!...è il "sentire" il vero protagonista dei nostri stati più profondi..

      Cosa sentiamo quando siamo felici?
      Cosa sentiamo quando siamo infelici?
      Abbiamo la capacità di sentire...o meglio di sentirci?

      Cosa intende lei per "sentire"?
      Nel suo scritto il verbo sentire è stato menzionato ,almeno Tre volte....scaturendo da questo .... altre parole come felicità, ripetuta a sequenza ...speranza, Dio,amore.

      Se io non riuscissi a sentire mi troverei su questa sua pagina??
      L.

      Elimina
    3. mi riferisco ad un sentire più con le potenze dell'anima che con i sensi del corpo; d'altra parte è chiaro che l'anima ci precede e non può morire, in quanto immortale, proprio in ragione della sua natura spirituale.
      Il vuoto di cui parlo riguarda l'anima, ed è conseguenza di una ferita di cui non siamo pienamente consapevoli.
      Un abbraccio

      Elimina

  4. Mi sembra che quello che descrivi sia una felicità provocata da momenti di forti emozioni che di solito hanno vita breve ma restano indelebili nella memoria e per anni si cerca di ripeterla, questo soprattutto da giovane ma con la maturità, almeno spero, si capisce che per stare bene non serve essere felici, ma basta essere sereni per trovare uno stato costante di benessere... che forse con il tempo può diventare una felicità moderata anche perchè non c'è la forte sofferenza causata dalla felicità perduta. Chi smette di ostinarsi a cercare la felicità a tutti costi ma cerca la serenità, vive molto meglio perché la felicità è solo uno stato passeggero di esaltazione emozionale. La felicità si può provare anche in momenti impensabili, non necessariamente legati a una persona ma a uno stato d'essere personale.

    Ciao Cristina : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comprendo cosa intendi cara Cristina; io però mi riferivo a qualcosa di più profondo: quel vuoto che sentiamo costantemente dentro e che mi ha sempre dato l'impressione di una voragine che all'origine era riempita da un tesoro molto prezioso, perduto per un evento drammatico, ma di cui serbiamo ancora il ricordo e la speranza di riconquistare.

      Elimina
    2. Probabilmente non ti capisco perchè questo vuoto non lo sento... soprattutto gli ultimi anni perchè dopo una lunga ricerca interiore ho ritrovato me stessa.

      Elimina
    3. in effetti un altro problema da risolvere è proprio questo cara Cristina: perché alcune persone avvertono questo vuoto ed altre no?
      Ci sto lavorando...
      Buona serata

      Elimina
    4. Perchè hanno subito una forte sofferenza da bambini e per capire questo e superarlo naturalmente ci vuole una lunga analisi approfondita che può durare anche anni...

      Elimina
  5. Dimenticavo... mi piace il testo che hai scritto e come lo hai scritto... penso che lo hai scritto tu vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per l'apprezzamento: il testo l'ho scritto io, ma l'ispirazione l'ho trovata nelle Confessioni di S. Agostino; le domande del testo sono identiche a quelle da lui formulate secoli fa.
      Buona serata

      Elimina
    2. Un testo da leggere allora! Buona domenica!

      Elimina
  6. Un post molto Teologico-filosofico, condivido pienamente.
    Ben detto l'essere umano è sempre in cerca di qualcosia sia "felicità "o altro.
    Buona settimana
    Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci manca sempre qualcosa, Rakel, come ripete anche Niccolò Fabi nella splendida canzone "la bellezza"!!!
      Grazie della visita

      Elimina
  7. Bellissima meditazione!
    La felicità racchiude molti sentimenti: la gioia, la contentezza,la serenità, la speranza, io scelgo la felicità dell'amore... perchè chi ama possiede un fondo inesauribile di gioia.
    Grazie Luigi!
    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lucia, per l'attenzione e la sensibilità!!!
      Un sorriso

      Elimina
  8. Ci manca un po' di umiltà :) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parole sante caro Anto!!!
      Buona Pasqua

      Elimina
  9. Nostro Signore ci ha dato la possibilità di questo dono, ma noi non sappiamo trovarlo e anche quando c'è non lo vediamo...
    Ciao Luigi, Serena Pasqua, auguri, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio così cara Stefania: se sapessimo riconoscere il dono di Dio...
      Tanti auguri anche a te
      a presto

      Elimina
  10. Ciao Luigi!
    Ho preferito farti qui i miei Auguri per il giorno a seguire e spero di cuore che a quello di domani per te ne seguano ancora tantissimi da vivere serenamente ....ovunque tu sia...ciao

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie amica mia, spero che sia una Pasqua di vera resurrezione per tutti noi!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  11. Mi piace molto questa tua analisi sulla felicità.
    Buona e lieta Pasqua a te e famiglia, un abbraccio caro Luigi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccione anche a te carissima: i nostri contatti sono spesso silenziosi, ma sinceri ed autentici!!!

      Elimina
  12. Ciao Luigi, tanti auguri e buon proseguimento di feste Pasquali...sono giorni che cantano la poesia, l'amore , la pace e la mesericordia...
    Ciao da Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Lucia, stamane c'era una luce talmente limpida che tutto l'universo sembrava risplendere!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  13. La nostra anima ha nostalgia della beatitudine celeste nella quale viveva, prima d'incarnarsi in un corpo fisico...anche se non ce ne rendiamo conto razionalmente.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  14. Ecco, nostalgia è la parola giusta cara Giovanna, ha dato il titolo ad un altro post di questo blog, forse quello che mi è più caro.
    Grazie di cuore

    RispondiElimina