giovedì 23 marzo 2017

il piacere della vita

Ancora ritorna in me la dolce primavera
ancora non invecchia il mio cuore infantilmente allegro
ancora scorre la rugiada dell’amore giù dall’occhio mio
ancora vivono in me il piacere e il dolore della speranza.
Ancora mi consolano con dolce incanto il cielo blu e la verde campagna,
la divina mi porge la coppa dell’ebbrezza,
la gentile, giovane natura.
Fiducioso!
Vale i dolori, questa vita fino a quando per noi poveracci il sole di Dio splende e immagini di un tempo migliore si librano intorno alla nostra anima, e ahimè, un occhio gentile piange con noi.

Friedrich Hölderlin, Il piacere della vita

5 commenti:

  1. "La vita è un viaggio dentro noi stessi anche quando viaggiamo fuori"....

    Come stai?

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono come le piante: fiorisco in primavera!!!
      E tu?

      Elimina
  2. E tu?
    Nel senso di come sto' oppure se ho anche io una stagione di fioritura!?

    Con un sorriso ti rispondo:

    Io sto bene e fiorisco ogni volta che trovo appartenenza ,come quella definizione iniziale ...l'hai scritta tu ed io l'ho portato al posto suo...

    Complimenti per la scelta musicale.. Rappresenta uno dei tanti piaceri della vita.....l'ascolto attraverso quel viaggio interiore porta alla magia di questa melodia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice di contribuire alla tua fioritura, anche attraverso la musica, compagna di viaggio insostituibile!!!
      Un sorriso

      Elimina
  3. Non perdere mai quel sorriso!!!...contagia tutte le anime che incontrerai nel tuo viaggio....

    Non so se tocca a me dirti questo dopo che qualcun'altro lo ha detto prima a me...

    Grazie per la tua sentita accoglienza ...

    RispondiElimina