venerdì 20 novembre 2015

la croce e la mezza luna

Loro non lo sanno ma la verità è che più fanno attentati più ci rafforzano.
Per islamizzare l'occidente, infatti, sarebbe bastato solo attendere qualche anno.
Proprio nel momento in cui quasi tutta l'Europa aveva aperto le porte ai profughi, in gran parte musulmani, sarebbe bastato attendere che le loro famiglie si stabilissero sul territorio europeo in massa e cominciassero lentamente a colonizzare la sonnolenta cultura occidentale.
E siccome le loro famiglie si riproducono a ritmo almeno triplo rispetto alle sonnolenti famiglie occidentali, nel giro di pochi anni avrebbero avuto la maggioranza anche parlamentare necessaria per proclamare lo stato islamico in tutta L'Europa senza sparare un solo colpo, costringendo le sonnolente donne occidentali a non mostrare più il loro volto gentile in pubblico e i democratici uomini europei ad osservare il ramadan con tutti gli annessi e connessi.
Tutto quello che sono riusciti ad ottenere con questi attentati è invece il risveglio delle radici cristiane degli europei.
"La Francia si riscopre cristiana", titolava solo qualche giorno fa qualche giornale nazionale; perché quello che loro non sanno è che più ci uccidono più ci rendono forti.
E' lo stesso errore commesso duemila anni fa dai gentili pagani, che pensavano di annientare i cristiani dandoli in pasto alle belve feroci nell'arena al cospetto di folle urlanti ed invasate. Ma più ne uccidevano più ne nascevano di nuovi, rafforzati dal sangue dei martiri, fino a conquistare l'impero più potente che la terra abbia mai visto. La stessa cosa succederà se questi fanatici dello stato islamico continueranno a mietere vittime ed a compiere stragi in Europa:
realizzeranno il miracolo di vedere rinascere l'identità cristiana dell'occidente contro la quale non hanno nessuna possibilità di vittoria, perché tra Cristo e Maometto c'è un abisso;
lo stesso abisso che separa la verità dalla menzogna.
E i motivi di questa abissale distanza li ho già spiegati qua.
Adesso hanno dichiarato di attaccare Roma l'8 dicembre, giorno di apertura della porta santa per il Giubileo della misericordia;
dimenticano ancora però che l'8 dicembre è l'Immacolata Concezione di Maria e contro la Madonna si sono già sfracellati diversi volte.
Per ricordarsene basterebbe studiare cosa è successo a Lepanto 500 anni fa o rileggersi la vicenda di Marco D'Aviano.
Ma non so se i figli di Hallah abbiano la storia come materia di studio.



15 commenti:

  1. Complimenti Luigi,
    hai centrato il problema! Sono d'accordo su tutto quello che
    hai scritto in questo magnifico post. Un caro saluto.
    Stefano G.

    RispondiElimina
  2. Tu hai ragione, Luigi, ma l'odio non è razionale e offusca la vista. L'odio non ti consente di fare delle valutazioni e di aspettare, come giustamente dicevi tu. Io vorrei però capire da dove nasce l'odio verso la - da te ben definita - sonnolenta cultura occidentale. Sonnolenta perché gli agi addormentano lo spirito. Ma l'odio? Perché? Desiderio di potere, invidia, paura, fanatismo? Vorrei capire, al di là delle giustificazioni "storiche" che questi pazzi si sono dati. Anche verso le donne. Perché? Sono pure considerate esseri inferiori, non dovrebbero quindi nemmeno essere prese in considerazione! Ragazze massacrate, martoriate in Siria. Forse perché si sono permesse di pensare. Mi fa male cercare di capire tutto ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che i musulmani non vogliono ammettere cara Ambra, è che l'odio è al fondamento della religione islamica, secondo cui chi non si converte deve essere combattuto ed annientato.
      Non si rendono conto che la fede non può mai essere imposta con la forza, perché l'amore per Dio, così come quello per le creature, si nutre di libertà; questo è molto chiaro nel cristianesimo: Dio che è amore vuole essere amato nella libertà, non nella paura, come noi creature non possiamo costringere nessuno ad amarci, né ci servirebbe essere amati per paura.
      L'amore, e perciò anche la fede che ne è espressione, può crescere e svilupparsi soltanto nella libertà!!!

      Elimina
  3. Caro Lugi, seguirò il tuo suggerimento e leggerò quel libro. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Hai perfettamente ragione. Penso che quelli che fanno gli attentati non sono musulmani ma delinquenti, farabutti e maniaci omicidi...
    Mi dispiace veramente quello che sta succedendo...
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un saluto a te cara Titti!!!
      A presto

      Elimina
  5. Gran bel post Luigi mio, veramente ben centrato.
    Una sensazione di sgomento devo essere sincera a me la danno...
    Le tue riflessioni sono giustissime, i miei dubbi sono molteplici..La speranza è l'unica cosa che ci sostiene..
    Un bacio grande!

    RispondiElimina
  6. Buon fine settimana Nella!!!
    A presto

    RispondiElimina
  7. a me fanno decisamente paura quelli che si risvegliano cristiani contro qualcun altro.
    non credo che esista l'islam moderato come nemmeno i cristiani moderati: credo esistano persone di buon senso cristiane, islamiche e atee e che possano convivere benissimo nelle loro identità e nel rispetto altrui.

    RispondiElimina
  8. riscoprire l'identità cristiana non significa mettersi contro qualcuno Fede, comporta soltanto diventare luce che illumina le genti!!!
    "Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini".
    Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli".

    RispondiElimina
  9. Io - da non religiosa ma rispettosa e a tratti ,forse , invidiosa della (apparente?) serenità di alcuni che credono- continuo a sperare in un mondo laico nella res publica e liberamente religioso nel privato di ciascuno.

    RispondiElimina
  10. Ciao Luigi, complimenti per il post. Un imam ha detto un giorno "Vi avremo con il ventre delle nostre mogli" e quindi conferma il tuo dire. Una sola cosa, la Francia non si è riscoperta cristiana, ma laica (Chiesa e Stato sono separati). Quello che non condivido con gli estremisti islamici, come con gli estremisti delle altre religioni (non solo le monoteiste) è che voglionio imporre le loro idee con la forza e non con il dialogo. In ogni caso non è finita perché, anche se Holland ha detto che si tratta di una guerra, questa rimane sempre atipica perché non è che hai di fronte una nazione che ti attacca, hai dei fanatici che si fanno esplodere in mezzo alla gente. Come si può fare per fermarli ? Impossibile. Bisognerebbe rasare a zero le terre che hanno conquistato, ma ci andrebbero di mezzo molti civili ed inoltre di kamikaze ce ne sono già migliaia già in Francia. A parte che, tutto considerato, anche quelli di Parigi erano dei civili, non sono un addetto del "dente per dente", ma neanche porgere l'atra guancia.
    Buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Elio: lo stesso principio di laicità inteso come separazione tra Stato e Chiesa è profondamente cristiano, e nasce con le parole di Cristo: "date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio".
      Buona serata

      Elimina
  11. Imporre la propria volontà non è giusto né produttivo.....condivido le idee che hai esposto e confido che prevalga il buon senso. Che Dio ci protegga tutti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina