giovedì 20 agosto 2015

la statua della responsabilità

Quello che io descrivo come vuoto esistenziale rappresenta un vero problema per la psichiatria contemporanea.
Sono sempre più numerosi i pazienti che si rivolgono al medico lamentando un sentimento di vuoto e non senso.
A mio parere questo sentimento è da ricondurre a due cause principali:
a differenza degli animali, nessun istinto dice all'uomo quale sia il suo bisogno;
e a differenza degli uomini di un tempo, nessuna tradizione gli dice più quale sia il suo dovere.
Così l'uomo si ritrova a non sapere più cosa propriamente vuole!
Allora, egli vuole soltanto quel che gli altri fanno (conformismo del mondo occidentale) o fa soltanto quel che gli altri vogliono (totalitarismo del mondo orientale).
La scomparsa delle tradizioni riguarda però soltanto i valori, non il senso; mentre i valori sono universali, il senso è qualcosa di unico e specifico: esso varia non solo da persona a persona ma anche da situazione a situazione.
E l'unico mezzo per trovare il senso di una concreta situazione è ciò che si chiama coscienza.
Ne consegue che in un tempo come il nostro, cioè nell'epoca del vuoto esistenziale, l'educazione  non può limitarsi a trasmettere usi e nozioni, ma deve preoccuparsi di affinare le coscienze.
In un'epoca in cui per molti uomini i dieci comandamenti hanno perduto la loro incondizionata validità, l'uomo ha bisogno d'imparare ad ubbidire ai diecimila comandamenti che gli detta la voce della sua coscienza.
La coscienza ci lascia scoprire il senso che ci manca, e che non può esserci dato arbitrariamente.
Noi non possediamo la libertà d'inventare un senso qualunque: abbiamo la responsabilità di scoprire in concreto "il" senso!
Con questo non si dice nulla contro la libertà, ma dobbiamo renderci coscienti che la libertà minaccia di degenerare in arbitrio se non è vissuta come responsabilità.
Per questo motivo auspico che la Statua della Libertà alzata sulla costa orientale degli Stati Uniti sia presto completata da una Statua della Responsabilità sulla costa occidentale.
                         Victor Frankl 





12 commenti:

  1. Giudice severo, la coscienza !
    In questa età storica che vede i valori radicalmente trasformati ( i posteri diranno se in meglio o in peggio ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa Costantino che in America un imprenditore ha preso alla lettera l'invito di Frankl e sta progettando davvero una statua della responsabilità sulla costa occidentale!!!

      Elimina
  2. Condivido ciò che Costantino dice...
    Tempi durissimi questi per possedere una coscienza , si agisce spesso per imitazione senza scoprire il reale senso della nostra vita! Orribile..
    Ma ti dirò che la statua della responsabilità non dispiacerebbe pure a me!
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai Nella che ho scoperto che ci sono già delle immagini in internet di questa statua?
      Gli americani non perdono tempo!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Mi spiace per la mia lunga assenza, ma infine sono riuscita a tornare ...
    Ma la coscienza è sempre e comunque dentro di noi, il problema è che la società moderna ha spento la sua voce, non la sentiamo o non vogliamo sentirla più, perché, appunto, la sua voce ci parla di impegno e responsabilità.
    Bellissimo questo scritto, chiaro e profondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bentornata Ambra: spero che la tua estate sia stata riposante!!!
      A presto

      Elimina
  4. che si debba fare una statua per constatare similei considerazioni, mi sembra troppo.Staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna comprenderli: sono americani...

      Elimina
  5. Sarei proprio curioso di veder costruire questa seconda statua sulla costa del Pacifico ed in quale città potrebbe essere innalzata. Forse la Francia, che ha già donato la statua della Libertà agli USA, potrebbe fare un gesto offrendo la seconda. Come contropartita si potrebbe chiedere di non insistere sul fatto di inviare in Europa la carne stracarica di ormoni. Vedremo come va a finire. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un saluto a te Elio!!!
      Ti auguro un buon fine settimana

      Elimina
  6. Caro Luigi, anche a me piace questo tuo post e le considerazioni sulla coscienza che nessuno, purtoppo, vuole ascoltare. Ci lasciamo troppo condizionare dagli altri....
    Spero che noi ci si possa rivedere a Cremona. Un abbraccio e Buona Vita.
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio a te cara Erika!!!
      Arrivederci a presto

      Elimina