domenica 3 novembre 2013

Non è più tempo

Certi giorni sappiamo essere felici inconsciamente, quasi ingenuamente verrebbe da dire; ma noi non siamo di quelli che si aspettano il successo dagli avvenimenti, come una ricetta, e non si tratta di grande sacrificio, perché sappiamo bene che il successo non basta a rendere felici.
Bisognerà, un giorno o l'altro, desiderare la conversione che dobbiamo vivere più fortemente di ogni altro; o la decisione di distaccarci, di liberarci dal peso di noi stessi, da questa esigenza sempre frustrata che cerca ovunque un appiglio vano, e desiderare di essere felici di ogni invenzione della vita per quanto riguarda la nostra esistenza, fino alle pesanti fecondità della sofferenza.
La vita soprannaturale fiorirà  se l'accetteremo per se stessa: la disperazione è il peccato più grave perché è il rifiuto di trarre profitto dalle apparenti infecondità dell'insuccesso.
Scopriremo poco a poco le sfere più riposte dell'amore.
Non si tratta soltanto della giovinezza ritrovata in una nuova infanzia, quell'atmosfera così distante dagli adulti e dalle loro cattive abitudini.
C'è la ferita della solitudine.
E' necessario che ci siano dei giorni in cui gioiremo e sorrideremo con tutta la freschezza intatta della nostra giovinezza.
E poi, ce ne saranno altri di più mesti, nei quali ci sentiremo molto avanti nella vita.
E allora non sarà più tempo di giocare ai ragazzi.
L'amore umano insegna molte cose riguardo alle vie dell'amore divino.
 
Emmanuel Mounier, lettere del 1931/34

5 commenti:

  1. Bellissima canzone e immagine...
    E ha ragione questo filosofo, questo posto è molto significativo... grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono molto legato a questa canzone Titti!!!
      Buona serata

      Elimina
  2. Bellissimo questo post accompagnato da un video altrettanto splendido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che ti piaccia Ambra!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Bellissimo video, altrettanto il post.
    Un caro saluto!!

    RispondiElimina