domenica 5 febbraio 2012

i bambini d'oro

Il vecchio patriarca è tornato nel grembo di Abramo.
Lo hanno trovato seduto con la testa appoggiata ad una siepe, come se si fosse addormentato presso gli alveari che egli curava come fossero delle case piene di bambini d'oro.
Chiamava le api così.
Pareva che le comprendesse e ne fosse compreso.
E sul patriarca addormentato nella pace della buona coscienza, quando lo hanno trovato c'era un velo prezioso di piccoli corpi d'oro.
Tutte le api posate sul loro amico.
Dovettero lavorare non poco per staccarle da lui.
Era tanto buono che sapeva di miele.
Era tanto onesto che forse per le api era come una corolla non contaminata.
Ne ho avuto dolore.
Avrei voluto averlo più a lungo nella mia casa.
Era un giusto.

Maria Valtorta: Il Poema dell'uomo Dio

22 commenti:

  1. Caro Luigi questa poesia è molto bella!

    Buona Domenica, spendiamo bene anche questo giorno, è una nuova possibilità.
    Apriamo le braccia alla vita. Un carissimo saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona domenica a Te Mirta!!!
      Spendere bene il tempo è l'impresa più difficile

      Elimina
  2. "Bambini d'oro" è una definizione meravigliosa per descrivere le api :-) Me ne ricorderò ogni volta che ne vedo una!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me è piaciuta molto Vele!!!
      Buona giornata

      Elimina
  3. Mi ripeto... "Bambini d'oro"... meraviglioso. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha un incanto particolare questo brano e neanch'io sò il perchè!!!
      Abbracci

      Elimina
  4. Le bellissime parole...
    E poi per quanto riguarda il posto precedente, Etsuro è molto fortunato di aver trovato la sua passione... beato lui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é un grande architetto e fa onore a tutto il Giappone!!!
      Buona settimana

      Elimina
  5. ciao luigi scegli sempre delle chicche, grazie, bellissimo questo pezzo, descrive un'operazione quotidiana, arricchita in questo caso di sentimento e amore sviscerato per il proprio lavoro, molto emozionante, ciao grazie a presto rosa buon inizio settimana.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ha sempre affascinato il lavoro delle api: nasconde una ricchezza di insegnamenti anche per il lavoro degli uomini!!!
      Grazie Rosa

      Elimina
  6. Mi piace tantissimo il titolo caro Luigi... un gesto semplice descritto con parole tutt'altro che comuni. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te che sai apprezzarlo!!!
      Un sorriso

      Elimina
  7. Che fai, leggi i "libri proibiti"? :)
    Genesis fantastici, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questi libri sono quanto di più bello io abbia mai letto in tutta la mia vita!!!
      Sono sicuro che convertirebbero anche te...

      Elimina
  8. Splendido il titolo e le parole che scorrono come una musica dolcissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione Ambra: profumano di buono!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Mani ghiacciate fino all'osso! e qui non fa neanche tanto freddo, non oso immaginare te! Grazie per le tue parole...sono doni che scatenano sempre forti emozioni. Un saluto ed un lungo abbraccio, buona settimana a 0° ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche da noi il freddo non scherza, carissima Mari; devo riconoscere però che i tuoi commenti riscaldano non poco le mani e il cuore!!!
      Un abbraccio forte forte

      Elimina
  10. Pezzo strabiliante Luigi. Bravo ad averlo scoperto e pubblicato.

    RispondiElimina
  11. Un pezzo davvero toccante ... un esempio di come si dovrebbe vivere ... ache se difficile da emulare ...
    Ciao
    Andrea

    RispondiElimina
  12. sono contento che ti sia piaciuto Andrea!!!
    A presto

    RispondiElimina