giovedì 14 novembre 2019

vietato morire

Se tornassi alla fonte
al luogo della partenza
ai piedi della montagna
al porto dell'imbarco
al capo del filo
alla prima luce del mattino
al primo rintocco
all'inizio del sentiero
in fondo alla scala
al grido prima dell'eco
alla corda tesa dell'arco
alla prima nota del canto
al primo battito del cuore
allo sparo di partenza
al di là del ponte
all'inizio del solco
alla valigia da fare
alla vigilia della festa
non porterei nulla con me
solo questa piccola luce
che sta nascendo proprio adesso

Andrea Chimenti 


14 commenti:

  1. Fare un commento su tutto questo, caro Luigi, mi è impossibile.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Parole stupende. Buona serata, Luigi.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sinforosa: spero che l'acqua che si sta riversando copiosa sul nord-est non stia facendo troppi danni anche dalle tue parti!!!

      Elimina
  3. Tutti torneremo alla fonte, volenti e nolenti. E non porteremmo nulla con noi se non la Luce che c'è in noi.
    PS ogni tanto torno a leggerti perchè gli amici, quelli veri, non si scordano. Abbraccio siempre tutto per te. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanch'io mi dimentico di te cara Annamaria!!!
      Un abbraccione a te

      Elimina
  4. Non sono poi più così sorpresa del tuo genere profondo di musica,un misto tra Fabi e David Sylvian.

    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai conosci tutto di me!!!
      O quasi...
      Un sorriso

      Elimina
  5. E' veramente stupenda questa Poesia/Canzone, molto profonda e veritiera. Complimenti a te che l'hai pubblicata. Un caro saluto da Stefano Giacalone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Stefano, felice di risentirti!!!
      A presto

      Elimina