sabato 2 dicembre 2017

la verità vi renderà liberi

La mia maestra era una donna d'altri tempi, devota e severissima.
Un giorno ci diede da scrivere un compito dal tema libero: ciascuno poteva scegliere quello che più gli interessava.
Eravamo ancora bambini di una scuola elementare d'altri tempi, con una maestra che già a quei tempi era lei stessa d'altri tempi; figuratevi la sorpresa quando lesse il titolo del mio tema: la libertà!!!
Non ricordo di aver scritto niente di speciale ma semplicemente la scelta del titolo fu considerata un evento inaudito.
All'epoca ero convinto che libertà significasse poter fare tutto quello che volevo; col tempo ho capito però che la libertà deve avere un necessario legame con la verità.
"Conoscerete la verità e la verità vi renderà liberi" dice Gesù nel vangelo.
Sono libero non quando faccio quello che voglio ma quando scelgo quello che è giusto.
Solo la verità libera l'uomo.
La verità su noi stessi e sul mondo.
Ma qual'è questa verità che ci libera?
Non è una teoria; non è un'opinione; non è una ideologia; non è un concetto.
E' una persona.
"Io sono la via, la verità e la vita"; Gv. 14,6.
La verità si è incarnata.
Ha lavorato con mani d'uomo.
Ha parlato con voce umana.
Ha amato con cuore di carne.
Ha sofferto sino all'ultima goccia del suo sangue.
Per dirci cosa?
"Ecce homo"; questo è l'uomo.
Solo nella misura in cui ci identifichiamo con Lui saremo veramente liberi.
Il cristianesimo non è una religione; è un manuale d'istruzioni d'uso della vita.

11 commenti:

  1. anche il parere di Gaber sulla libertà non era niente male :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lui si che era uno spirito libero Fede!!!
      Buona Domenica

      Elimina
  2. Luigi dici giusto, la libertà non è confusione ma fermezza, concretezza, giustizia non umana...
    Per me non è difficile da comprendere eppure è nella vita di tutti.
    Abbraccio amico mio. Bellissimo tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Pia: un abbraccione anche a te!!!

      Elimina
  3. Concordo assolutamente con le tue due ultime frasi: è vero, anch'io non ho mai visto il cristianesimo come una religione, ma come un vero manuale d'istruzioni per vivere pienamente e fruttuosamente, senza far danni a se stessi e agli altri. Ma il mondo non lo comprende, purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema della mentalità contemporanea mi pare sia quello di fare della verità un'opinione. Il relativismo etico è distruttivo proprio perché rende tutto opinabile.
      Un bacione

      Elimina
  4. Carissimo Luigi, volevo avvisarti che c'è un premio per te nel mio blog "I pensieri di P.".
    Se vuoi ti aspetto lì. Ciao!

    RispondiElimina
  5. Spesso non rispondi ai miei commenti,e non mi dispiace ....anzi per me vale comunque come risposta,rispetto i tuoi silenzi perché anch'essi fanno parte di verità e quindi di libertà...

    Questo post mi ha fatto ricordare di una persona che tempo fa mi scriveva molto e poi ho incrociato nel web ancora tante volte...

    Ciao Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io proprio per questo ti voglio così bene!!!

      Elimina


  6. "Questa è la volontà di Dio: che, facendo il bene, turiate la bocca all’ignoranza degli uomini stolti. Fate questo come uomini liberi, che non si servono della libertà come di un velo per coprire la malizia, ma come servi di Dio
    1 Pietro 2, 15-16"


    RispondiElimina