mercoledì 15 febbraio 2017

consolare

Non avevo mai riflettuto sull'etimologia di questo vocabolo.
C'è qualcuno che la mette in relazione con il concetto di solitudine.
«Consolare» significherebbe perciò sostanzialmente «stare con uno che è solo».
L'idea è suggestiva perché individua la radice del malessere contemporaneo: la tristezza e il dolore dell'uomo "moderno" nasce proprio dal sentirsi solo, privo di una presenza che riscaldi, di una mano che accarezzi, di una parola che spezzi il silenzio e le lacrime.
Non per nulla la parola «desolato» significa in radice «essere solo» pienamente.
Quello che a me sembra, infatti, è che dopo il peccato originale ogni uomo è solo, e perciò avverte un bisogno profondo di essere consolato, bisogno che se non è rettamente soddisfatto può mandare tutto in rovina.
Aveva ragione il romanziere russo Vladimir Nabokov, quando ha scritto che «la solitudine è il campo da gioco di Satana», ed è per questo che lo Spirito Santo è detto «il Consolatore».
Sarà questo il motivo per il quale mi piace tanto invocarlo con quelle antiche parole così belle:
"vieni Santo Spirito; riempi il cuore; accendi il fuoco del tuo amore; manda il tuo Spirito per una nuova creazione e rinnoverai la faccia della terra". 


17 commenti:

  1. Molto bella questa etimologia, Luigi, come pure le considerazioni che seguono. Tuttavia il termine "desolato" potrebbe anche significare "senza sole", in questo caso senza la luce di un'amicizia e di una vicinanza. E l'azione del "consolare" porterebbe invece proprio il sole e la luce del conforto.
    Grazie e un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Annamaria: anche quest'accezione è proprio bella ed appropriata!!!
      Un abbraccio a te

      Elimina
  2. Grazie della condivisione di un'etimologia illuminante. Buona serata.

    RispondiElimina
  3. Consolare, un verbo troppo spesso dimenticato e disatteso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e di cui c'è sempre più bisogno caro Costantino!!!

      Elimina
  4. In questo momento ho bisogno di essere consolato per tutto quello che sto passando. Niente di grave ma piccole cose che si aggiungono alle altre. Bel testo Luigi e buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Elio ti sono vicino per quello che posso; sono sicuro che ritornerà la serenità che meriti!!!
      Buon fine settimana

      Elimina
  5. Boa tarde, adorei de ler o seu belo texto, a solidão tem dois lados, a necessária e a circunstancial, de qualquer modo, o ser humano tem a necessidade de ser consolado, motivo porque, a vida deve de ser partilhada.
    AG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gratias por el comentario muy profundo y por la sensibilidad!!!
      A presto

      Elimina
  6. Per consolare qualcuno, è necessario saper ascoltare e vedere con il cuore....ma nel mondo di oggi nessuno ha tempo e forse neanche sincero interesse ad ascoltare e capire veramente l'altro......un dramma per molti...
    Riflessioni molto profonde.
    Grazie per la visita e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quasi nessuno..., io sono ottimista per natura!!!
      Grazie a te per la sensibilità

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. ..son tutti a consolarsi con Facebook...in realtà tutti soli :) ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio così Anto!!!
      Buona settimana

      Elimina
  9. Bellissime queste riflessioni.
    L'uomo è come l'edera ha bisogno di attaccarsi.Sì, a volte siamo proprio così..povere edere.
    Ma se riusciamo ad essere buone, affettuose con il prossimo, rassomiglieremo al quel raggio di sole che passa, e spande luce e calore.....
    Grazie della visita sul mio blog e buona serata.
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E proprio così Lucia!!!
      Grazie e buona giornata

      Elimina