lunedì 29 ottobre 2012

il segreto della felicità

Ieri mattina avevo deciso di andare a correre.
Scelgo sempre posti nuovi per farlo, perchè ho bisogno di riposare la mente oltre che il corpo.
La settimana scorsa avevo scoperto un posto veramente affascinante: un tratto di sentiero un po' selvaggio lungo il fiume che non avevo mai percorso e, perciò, ieri ero ansioso di ritornarci per continuare ad esporarlo.
C'era un solo problema: pioveva a dirotto e infuriava un vento freddo.
Chissenefrega, mi sono detto, non saranno certo quattro (???) goccie a fermarmi.
Mi sono armato di una giacca a vento ed un cappello e sono salito in auto.
Ho acceso lo stereo ed ho alzato il volume.
Amo particolarmente ascoltare musica viaggiando.
Dopo pochi minuti ho visto un barbone che già conosco camminare infreddolito sotto la pioggia.
Cosa posso fare per lui, mi sono chiesto? Davvero poco, devo prenderne atto.
Ma anche quel poco forse può servire a qualcosa.
Allora ho spento lo stereo, offrendo questa piccola rinuncia per quel poveretto.
Arrivato a destinazione mi sono accorto che non pioveva poi così tanto ed ho cominciato a correre.
Sarà stata la sorpresa di avventurarmi in una zona inesporata, oppure il fatto che nonostante la pioggia e il vento potevo benissimo correre senza problemi, fatto sta che mi ha invaso un senso di felicità del tutto sproporzionato rispetto alle circostanze esterne.
Anche quando ha cominciato a piovere più forte ed il vento si è tramutato quasi in tempesta neanche una goccia d'acqua è riuscita a bagnare la mia anima, anzi: più forte infuriava il vento più forza sembravano acquistare le mie gambe.
Certo avevo le scarpe, i piedi e le gambe completamente inzuppati, ma ero felice, di una felicità assoluta.
E' stato allora che ho sentito il bisogno di ringraziare il Dio delle piccole cose per quella sorprendente ed inaspettata felicità.







46 commenti:

  1. La conosco belle quel tipo d'emozione e anche io come te sentitamente ringrazio!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora servono davvero le piccole rinuncie!!!
      Un sorriso

      Elimina
  2. L'emozione da te descritta è una delle poche cose che non si può acquistare materialmente....bellissima testimonianza. Buona vita Luigi!

    RispondiElimina
  3. Che bellezza! A me piace molto correre, o più in generale, camminare per molti chilometri. Mi fa sentire libera, proprio come dici tu. Adesso che il tempo è proprio brutto e fa freddo, ho rinunciato a questa attività. L'altro giorno ho visto una ragazza fare jogging, sotto la pioggia. Ho pensato fosse un po' pazza, a dire la verità. Poi leggo post come il tuo, allora capisco. Non è pazzia, è solo voglia di sentirsi liberi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della sensibilità Chiara: a volte basta poco per mettere le ali!!!
      A presto

      Elimina
  4. Spettacolo! A me una volta è successo in bicicletta...non sai il ridere...la pioggia è proprio così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Laura: è proprio così!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Stamani all'uscita di casa ho guardato verso le montagne, tutte imbiancate...Stessa tua emozione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qua non è ancora arrivata la neve, ma arriverà presto!!!
      Un bacio

      Elimina
  6. Una scelta coraggiosa! Gli sforzi, quando onesti, donano sempre un qualcosa in cambio.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Massimo: omnia possum in Eo qui me confortat!!!

      Elimina
  7. la felicità sta anche e soprattutto nelle piccole cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. soprattutto!!!
      Un abbraccio Pupetta

      Elimina
  8. Grazie Luigi per aver condiviso questa tua piccola ma intensa decisione verso il prossimo
    buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Tiziano per aver colto l'essenziale!!!
      A presto

      Elimina
  9. La sensazione di libertà che ti dà la natura è inesprimibile. In alcuni momenti particolari capita proprio di sentirsi così, perfettamente felici proprio perché liberi e in pace col resto del creato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio così Vele!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Ciao Luigi, una bellissima sensazione raccontata in modo eccellente!
    Lieta festa di Ognissanti amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanti auguri anche a te cara!!!
      Un bacione

      Elimina
  11. Bello lasciarsi bagnare dalla pioggia. Da tanto non lo faccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti assicuro che è come ritornare ragazzini!!!
      Un sorriso

      Elimina
  12. Sai Luigi, sono convinta che tutto quello che ci riavvicina alla natura, foss'anche la pioggia, ci dà una sferzata di energia e di felicità, come è capitato, appunto, a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che ci fosse anche qualcos'altro cara Ambra: amore, tanto amore di Dio!!!
      Un abbraccio

      Elimina
  13. una semplice esperienza,magari insolita,data la poggia,ma che ci fa apprezzare la gioa che danno anche le piccole cose,buona serata Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona serata anche a te Graziella e grazie della tua sempre attenta sensibilità!!!

      Elimina
  14. Complimenti per la tua forma fisica e per la fede che ti consente simili exploit. Ma prenditi qualche aspirina, meglio prevedere che curare. Un amichevole saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna non ho avuto bisogno dell'aspirina Elio; in compenso mi è venuta una fastidiosa tallonite!!!
      Buon w.e.

      Elimina
  15. A contatto con la natura e un gesto di bontà, la felicità è a portata di mano.

    Se poi si ha Fede in Dio...è il massimo Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero Gianna: cosa si può volere di più dalla vita???
      Un sorriso

      Elimina
  16. Dirò sinceramente quello che penso, come sempre. Ti sei sentito migliore spegnendo la musica, e questo ti ha dato piacere. Non hai fatto niente di male, ma neanche del bene (se non a te stesso), perchè quel poveretto, dal tuo gesto, non ha tratto il minimo giovamento.
    Ammiro sinceramente chi si mette a servizio degli altri, qualunque sia il motivo che lo spinge a farlo (compresa la fede religiosa); trovo invece più edonistiche che altruistiche le privazioni e le mortificazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dal tuo punto di vista non fa una grinza il tuo discorso: questo dimostra che la fede è tutt'altro che un accessorio, riguarda proprio la sostanza della vita!!!

      p.s. dovrò consigliarti qualche buona lettura

      Elimina
    2. Quello che intendevo è che per me ha poca importanza la motivazione, ce ne sono milioni e ognuno troverà la propria per dare a se stesso un senso a quello che fa, ma invece contano i fatti concreti. Per questo motivo, per fare un esempio nel tuo ambiente, ammiro i missionari e detesto le suore di clausura. Con questo non intendo affatto dire che detesto gli eremiti, ognuno è libero di scegliere la vita che preferisce, ma detesto che la si faccia passare come una scelta generosa o addirittura utile all'umanità.

      Elimina
    3. forse ti farebbe bene leggere la biografia di Edith Stein; nel frattempo potrebbe interessarti la storia del premio nobel per la medicina Alexis Carrol (lo trovi anche su wikipedia), raccontata qui:

      http://sursumcorda-dominum.blogspot.it/2010/01/alexis-carrel-la-scienza-davanti-alla.html

      Elimina
    4. E che c'entrano le conversioni?

      Elimina
    5. beh, non sono conversioni qualunque: la prima da filosofa diventa suora di clausura e finisce per dare la vita per il suo popolo in un campo di concentramento; il secondo aveva la stessa visione della fede che hai tu e fino all'ultimo ha resistito strenuamente per non cedere!!!
      Forse anche per te c'è una speranza...

      Elimina
    6. Se la suora ha dato la vita per salvare qualche altro essere umano, chapeau da parte mia, altrimenti è semplicemente rimasta vittima della ferocia umana, e questo non la rende diversa da centinaia di migliaia di altri sventurati. Il secondo esempio va fuori dal tema di questa discussione.
      Anch'io pensavo che per te ci fosse speranza...

      Elimina
    7. non sapevo che nutrissi questa speranza nei miei confronti; in ogni caso hai fatto bene ad abbandonarla!!!
      La mia invece nei tuoi confronti non si è ancora spenta...

      Elimina
    8. No Luigi, non fraintendermi. Io non tento di convertire nessuno al mio pensiero, questo perchè non nutro il minimo interesse a che tu, o chiunque altro, cambi la propria idea. Il confronto lo cerco per me stessa, perchè mi appassiona e mi rafforza poter mettere continuamente alla prova, attraverso la dialettica, le mie convinzioni. Che non discendono da assiomi indiscutibili, e che non ho la presunzione di considerare le migliori per l'umanità intera, ma che mi sono guadagnata un pezzettino alla volta, strada facendo e via confrontando. Di sicuro sono le migliori per la mia persona e in questo momento, domani chissà. Per questo resto disponibile a cambiare idea di fronte ad argomentazioni migliori e contrarie, ma, per carità, dimostrabili. Mi aspettavo che tu me le fornissi. Tutto qua.

      Elimina
    9. l'unico problema è che in questa materia non c'è nulla di dimostrabile, per grazia di Dio: ci sono sufficienti motivi per credere per chi vuole credere e altrettanti motivi per non credere per chi non vuole credere (ricordi Pascal?) e questo per salvaguardare la libertà dell'uomo, il quale, diversamente, sarebbe costretto a credere, non acquistando nessun merito a farlo.
      La fede richiede l'adesione della volontà oltre che dell'intelligenza, dell'amore, oltre che della ragione; ma l'amore si nutre di libertà!!!
      E' per questo che non potrò mai dimostrarti l'utilità delle suore di clausura se tu riesci a credere soltanto a quello che vedi e che tocchi!!!
      Tutto qua...

      Elimina
    10. Tentiamo un ultima volta di ragionare insieme, lasciando da parte per un attimo i proclami di fede.
      A prescindere da quello in cui ci piace credere, in questo mondo, un cui entrambi viviamo, semplificando molto possiamo dire che esistono cose astratte e cose tangibili (spero che possiamo tentare di accordarci almeno su questo). La differenza fra noi due è che, nel ragionamento, io le tengo ben distinte, tu invece le mischi in continuazione. Quello che intendo è che tu attribuisci un valore di realtà anche a cose che appartengono alla sfera dell'intangibile, e dài per scontato che questo approccio debba essere condiviso universalmente. Non solo. Pensi anche che chi non lo condivide abbia bisogno di essere in qualche modo recuperato alla tua fede.
      E' evidente che partiamo da presupposti lontanissimi, quindi prendiamo atto che il confronto è impossibile. Dalla prossima visita in poi ti porterò volentieri solo i miei saluti. :)
      Ciao.

      Elimina
    11. Cara Donatella, se tra di noi c'è qualcuno che da' per scontato che il suo approccio sia condiviso universalmente, mi pare che questo qualcuno sia tu quando affermi testualmente: "Ti sei sentito migliore spegnendo la musica, e questo ti ha dato piacere. Non hai fatto niente di male, ma neanche del bene (se non a te stesso), perchè quel poveretto, dal tuo gesto, non ha tratto il minimo giovamento"; ed ancora: "detesto che la si faccia passare come una scelta generosa o addirittura utile all'umanità".
      Emanando queste sentenze inappellabili pretendi di ergerti a paladina della verità per smascherare i falsi profeti e questo non vuol dire affatto tenere separata la realtà dalla sfera dell'intangibile; a me sembra ben altro: giudicare realtà che non si conoscono e non si capiscono.
      Nel tuo discorso poi c'è un equivoco di fondo, molto comune del resto, considerare realtà soltanto quello che si vede e si tocca; ma questo è un presupposto riconosciuto falso dagli stessi scienziati atei e razionalisti.
      Ci sono realtà visibili e realtà invisibili ed il fatto che queste ultime non si tocchino con le mani non significa che siano meno reali ("l'essenziale è invisibile agli occhi", ricordi il Piccolo Principe?).
      Detto questo, aggiungo anche che gradirò molto i tuoi saluti ma gradirei di più una maggiore umiltà da parte tua, perchè si può essere anche atei ma bisogna essere disponibili a mettersi in discussione, cosa che tu mi pare faccia malvolentieri, aggrappata come sei ai tuoi pregiudizi indiscutibili!!!

      Elimina
  17. Sarà una meraviglia scoprire dei nuovi posti affascinanti... ma spero che non hai preso il raffreddore...
    Grazie per avermi trasmesso la tua bellissima sensazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te amica mia: e tu che genere di sport fai in Giappone?

      Elimina
  18. La tua interiorità, il tuo pensare ogni volta raffinato mi colpiscono sempre moltissimo. Buon sabato. Baci

    Ubique Chic, H2O Fashion added

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la sensibilità!!!
      Un abbraccio

      Elimina