venerdì 14 settembre 2012

l'albero della vita

"O Crux ave, spes unica", canta oggi la Chiesa celebrando la festa dell'Esaltazione della Santa Croce: salve o Croce, unica speranza!!!
Mi ha sempre sorpreso e meravigliato questo riferimento alla Croce di Cristo come unica speranza per l'uomo.
Perchè la croce è l'unica speranza? Mi sono chiesto spesso, senza riuscire a comprendere in profondità il mistero di un Dio che sceglie di salire sul patibolo più infamante e doloroso per amore del genere umano!
Poi un giorno ho letto queste parole: "come le colombe si nascondono nelle fenditure della roccia per trovare riparo quando arriva la tempesta, così anche noi dobbiamo rifugiarci nelle piaghe di Cristo crocifisso per trovare conforto nei momenti di prova; allora tutto acquisterà una luce nuova e nessun dolore ci sembrerà più insopportabile"!!!
Solo allora ho cominciato a capire.
Ho capito perchè quello che può apparire il segno di un fallimento umano agli occhi superficiali del mondo, "scandalo per i giudei e stoltezza per i pagani" ancora oggi, può diventare il simbolo di un trionfo: un trono dal quale Cristo regna sugli uomini di buona volontà.
E si rivela ancora una volta paradossale la logica di Dio, che stravolge tutto l'ordine dei valori che guidano la nostra vita.
Un evento triste e tragico che qualsiasi famiglia umana avrebbe voluto presto dimenticare per non rivivere più le sofferenze che lo avevano accompagnato, viene celebrato invece solennemente da milioni di persone in tutto il mondo ancora oggi, dopo duemila anni.
E' per questo, e per mille altri motivi, che la Chiesa celebra oggi la festa dell'Esaltazione della Santa Croce, cantando: salve o Croce, unica speranza!!!


16 commenti:

  1. Ogni persona ha la sua croce, occorre portarla con forza-speranza-fede e non saremo mai soli.
    Sereno divenire Luigi!

    RispondiElimina
  2. il suo giogo diventerà allora soava e il suo peso leggero...
    Bentrovata Simo
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. C'è sempre speranza nei tuoi post, aiutano a superare i quotidiani dolori e le quotidiane miserie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non potevo iniziare questa giornata con parole più belle delle tue Costantino!!!
      Grazie di cuore

      Elimina
  4. Hai scelto una canzone intensa e suggestiva, che non conoscevo, interpretata da una magnifica voce. Anche le immagini della natura sono bellissime e fanno volare l'animo in alto...Sì, penso che tu abbia spiegato molto bene il motivo di questa celebrazione. Ciao Luigi, ti auguro un sereno fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contento che ti sia piaciuta, amica mia, tu sei una intenditrice!!!
      Buona serata

      Elimina
  5. Ti auguro buon fine settimana...

    RispondiElimina
  6. E' bello, Luigi, vedere quanta fiducia hai in quello che credi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarei molto felice che un giorno anche tu...
      Io raccomando!!!

      Elimina
  7. ciao Luigi,ci eravamo persi di vista e ora ti ritrovo con questo bellissimo post,un saluto affettuoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bentrovata Graziella!!!
      Grazie per la sensibilità
      A presto

      Elimina
  8. difficilmente scorderò l'emozione provata pregando di fronte alla Croce alla GMG a Colonia... anche se è un mistero che devo ancora "capire".

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Ciao, Luigi: ti confesso che non sono sostanzialmente d'accordo con l'esaltazione della Croce. Forse perchè nella mia educazione cattolica la croce è stata sin troppo celebrata, forse perchè antropologicamente noi siciliani ci fermiamo spesso alla Madonna Addolorata e al venerdì santo ... Penso che dovremmo esaltare di più la forza creatrice dell'Amore e la Resurrezione di cui è esso è capace. Hai visto il film di Moretti "La stanza del figlio"? E' la storia di una famiglia felice che si disgrega a seguito di un lutto non riscattato. La sofferenza e la croce, per Cristo come per noi, sono talvolta passaggi dolorosamente necessari. Ma, a mio sommesso avviso, è sempre la Vita, l'Amore e la Resurrezione che dovremmo esaltare. Buona settimana.

    RispondiElimina
  11. Sono d'accordo con te Mari e credo che esaltando la croce la Chiesa non voglia esaltare il dolore ma piuttosto l'immenso amore che essa rappresenta: l'amore infinito di un Dio che sceglie di arrivare sino a questo punto per salvare le sue creature!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina