venerdì 15 giugno 2012

Quadri di vita

Qualche anno fa, sfogliando una rivista, rimasi colpito da un articolo riguardante un pittore bosniaco a me sconosciuto: Safet Zec.
Mi impressionò il realismo con cui riusciva a tradurre in immagini la vita quotidiana del suo popolo, segnato dalla guerra e dalla povertà.
Avevo conservato quella rivista cercando di non dimenticare il nome di quel pittore: chissà che un giorno non avrebbe allestito una mostra nel nostro paese.
Con il passare del tempo, però, me ne ero completamente dimenticato, fino a ieri, quando una carissima amica mi ha mandato un suo articolo, scritto per una rivista telematica; l'articolo è questo e parla proprio di una mostra allestita in questo periodo a Milano da Safet Zec.
Quando si dice: affinità elettive!!!
L'articolo è molto bello e vi consiglio vivamente di leggerlo.
La mostra è allestita alla Rotonda di via Besana sino al 13 luglio e vi consiglio di visitarla, cosa che cercherò di fare anch'io appena possibile.
I quadri di Zec potete pregustarli in questo video.
Buona visione




33 commenti:

  1. non te ne pentirai!!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Non lo conoscevo:molto interessante.
    Arriva tutta la desolazione e la disperazione della sua gente; io sono sempre molto attenta a osservare le mani nei dipinti e queste sembrano parlare.
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione; anche i volti sembrano esprimere una dignità che parla ai cuori!!!
      Buon fine settimana

      Elimina
  3. Commoventi, davvero toccano il cuore per il loro messaggio di disperazione...cercherò di andare a visitare la mostra. Grazie, Luigi, sempre prezioso amico! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio a te Cinzia, amica preziosa!!!

      Elimina
  4. Interessante segnalazione, Luigi. Il video rende la carica emotiva di quadri che non sono solo espressione artistica, ma dolore umano e sofferenza sublimati nella poesia dei colori.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto bene Massimo: la poesia dei colori è un valore aggiunto di questo artista!!!
      A presto

      Elimina
  5. Vedendo questa anteprima, è impensabile perdersi la mostra di questo pittore. Nei suoi quadri c'è il dolore del mondo.
    Andrò a vederla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapevo che ti sarebbe piaciuto Ambra: ormai un pò ti conosco!!!

      Elimina
  6. Che coinvolgenti... tutte queste opere...
    Grazie per avercele segnalate.
    Buon inizio della settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona settimana anche a te Titti: qui c'è già un caldo soffocante!!!

      Elimina
  7. Luigi, indubbiamente tecnica impatto colori, tutto rende tremendamente sofferto il momento artistico di una gradevolezza universale.
    Se fossi a Milano non perderei la mostra, anche se ultimamente
    rifuggo da ogni tipo di tristezza,
    Un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io ultimamente cerco di tenermi lontano da pensieri cupi e credo che l'arte contribuisca in ogni caso a elevare la mente e il cuore!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. drammatici e realistici,belli davvero,grazie di averli mostrati,la mostra è per me non raggiungibile,buona settimana Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona settimana anche a te Graziella: il tuo è un giudizio qualificato!!!

      Elimina
  9. Ciao carO amica mia,
    un saluto veloce (perdonami la fretta, qs. volta ^_^ ) ma COMMOSSO per le meravigliose parole che mi hai dedicato stamani nel mio post! GRAZIE !

    Un abbraccio,
    ti aspetto ogni volta che vuoi nel mio blog dei papocch ... ehm, RICAMI!
    (Grazie del tuo affetto, è ricambiato al 300% !)

    A presto!

    M@ddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gratitudine è un sentimento che mi nasce spontaneo quando penso a te!!!
      Un bacione

      Elimina
  10. (Oooops... visto? La prima riga conferma la mia fretta...
    ...vado !!!!!!!! )

    M.

    RispondiElimina
  11. Molto bravo davvero. Una pittura che documenta e si avvicina moltissimo alla fotografia, caricandola però di ulteriore significato. A Milano però ci andrei solo in elicottero e con l'aria condizionata... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una volta ci si arrivava per vie fluviali da Venezia!!!
      Ti invidio molto in questi giorni...

      Elimina
  12. Le opere sono tali quando causano qualche reazione nell'anima... come queste :) Ciao Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero: a volte scatta un meccanismo nell'anima che ci conduce a identificarci con le opere di un artista, e neanche noi sappiamo perchè...
      Un abbraccio

      Elimina
  13. Ciao Luigi, le opere di Zec sono profondamente intense e scavano nell'animo umano!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono lieto che ti siano piaciute cara!!!
      Un bacione

      Elimina
  14. Non lo conoscevo, grazie molte per la segnalazione!

    RispondiElimina
  15. ciao Luigi
    non le conoscevo le opere di Zec.
    grazie per il suggerimento
    e un caro saluto

    RispondiElimina
  16. Ciao Luigi, hai pienamente ragione. Le opere di questo pittore esprimono proprio tutta la sofferenza del suo popolo durante la guerra dei Balcani. I milanesi non devono assomutamente perdere questa mostra. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari un giorno allestirà una mostra anche dalle tue parti!!!
      A presto

      Elimina
  17. Sbaglio o ti piace molto la pittura? Ricordo qualche altro tuo post sui quadri... (o ricordo male?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sbagli cara: il post era "l'artista e il ciarlatano"!!!
      Buona domenica

      Elimina