giovedì 23 giugno 2011

sposati e sii sottomessa

“Sposati e sii sottomessa" è il titolo di un libro che sto leggendo in questi giorni.
Il sottotitolo è "Pratica estrema per donne senza paura”.
E' un libro controcorrente, divertente, originale, intelligente e profondo.
L'autrice si chiama Costanza Miriano e fa la giornalista a rai 3.
Il tema di fondo del libro è che nell'ambito di un rapporto di coppia la donna è la più forte e perciò deve stare sotto a fare da fondamento per la continua costruzione di quell'amore che rende un matrimonio felice e duraturo.
Ma lascio a lei la parola che è meglio:

"Sposare un uomo, che appartiene irrimediabilmente a un’altra razza, e vivere con lui, è un’impresa.
Ma è un’avventura meravigliosa. È la sfida dell’impegno, di giocarsi tutto, di accogliere e accompagnare nuove vite.
Una sfida che si può affrontare solo se ognuno fa la sua parte.
L’uomo deve incarnare la guida, la regola, l’autorevolezza.
La donna deve uscire dalla logica dell’emancipazione e riabbracciare con gioia il ruolo dell’accoglienza e del servizio.
Sta alle donne, è scritto dentro di loro, accogliere la vita, e continuare a farlo ogni giorno. Anche quando la visione della camera dei figli dopo un pomeriggio di gioco fa venire voglia di prendere a testate la loro scrivania".

In questa raccolta di lettere originali ed esilaranti Costanza Miriano scrive di amore, matrimonio e famiglia in uno stile inedito: se fosse per lei produrrebbe delle encicliche, ma siccome non è il Papa mescola i padri della Chiesa e lo smalto Chanel, la teologia e Il grande Lebowski, sostenendo con ferrea convinzione la dottrina cristiana del matrimonio senza perdere d’occhio l’ultima borsa di Dior. D’altra parte, come scriveva Chesterton, «non c’è niente di più eccitante dell’ortodossia». (dal blog dell'autrice: costanzamiriano.wordpress.com)

Ve lo consiglio vivamente

46 commenti:

  1. Bè direi che dopo queste parole e questo entusiasmo come non cogliere al volo il tuo consiglio? Lo leggerò sicuramente poi ti dirò.... Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  2. sono sicuro che ti piacerà molto Vale!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Cara Luigi io condivido l'affermazione dell'autrice del primo paragrafo, ma non sono d'accordo su ciò che dice in questa frase "L’uomo deve incarnare la guida, la regola, l’autorevolezza", io non lo vivo così nel mio matrimonio. Un carissimo saluto!

    RispondiElimina
  4. In realtà leggendo il libro si capisce che lei si riferisce piuttosto ai compiti del padre nell'educazione dei figli, che deve essere caratterizzata da una necessaria distinzione dei ruoli; mi piacerebbe che tu lo leggessi Mirta
    Ti auguro una splendida giornata

    RispondiElimina
  5. Personalmente sono invece convinto, e vedo che Mirta è della mia stessa idea, che in una coppia bisogna essere entrambi allo stesso livello e decidere insieme come procedere nella vita. In ogni caso, visto che consigli questo libro, lo cercherò la prima volta che sarò in Italia. Ma lo leggerò con spirito critico.Buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Io non parlerei di sottomissione, che è una parola comunemente applicata per descrivere i rapporti sociali tra gli animal,
    ma di rispetto... anche se così va a perdersi la provocazione insita nel titolo.
    Quanto agli uomini che fanno da guida, Dio ce ne scampi :))))
    ciao Luigi!!!

    RispondiElimina
  7. caro Elio: sono d'accordo con te; però è necessario che all'interno di una famiglia l'uomo non si metta a fare la donna e viceversa!!!
    Un saluto

    RispondiElimina
  8. cara Giada: lei parla di sottomissione nel senso di base, fondamenta di un edificio; ciò che sta sotto è necessariamente la parte più resistente e forte.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  9. Leggendo la tua risposta :in questo senso condivido, di certo l'argomento trattato è così sentito e attuale e direi anche sofferto, che è facile fraintedere!
    Ciao, grazie e a presto!

    RispondiElimina
  10. ciao Luigi grazie per questa segnalazione del libro, secondo me in ogni coppia si stabilisce un intesa, anche senza programmare i ruoli in anticipo, vengono naturalmente in base ai caratteri delle persone, questo del libro e' un caso, l'importante e' che vada bene ad entrambi senza frustrazioni, ciao grazie a presto rosa buona giornata.)

    RispondiElimina
  11. hai ragione cara: poi credo che l'autrice abbia voluto essere intenzionalmente provocatoria nel scegliere titolo e tema del libro.
    Buona giornata a te

    RispondiElimina
  12. Luigi...sottomissione...uffi non mi piace...mi piacerebbe più grazia o qualcosa del genere, sarà che ho letto tanto di donne e islam e ho tenuto molte conferenza che la parola sottomissione..la intravedo ancora nei gesti di qualche bimba a scuola...sarebbe molto meglio "amore per se stessa e per gli altri". ma non avendo letto il libro mi taccio.

    RispondiElimina
  13. Una lettura interessante, ma non sono d'accordo sulla sottomissione... Ritengo che in un rapporto ci deve essere lealtà, stima, compensazione ma soprattutto comprensione
    Buona giornata

    RispondiElimina
  14. ...tutto ciò è difficile...ci vuole costanza e spirito di sacrificio...e una buona dose di appagamento...sì ....sentirsi dire "amore com'è buona questa pasta"..non è un gran sforzo e dona un piacere immenso...piccoli gesti d'amore quotidiano che lungo la via vengono smarriti purtroppo. grazie Luigi per l'opportunità..a presto ..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  15. @ Laura e Simo: in realtà è un libro profondamente femminista; inaugura un nuovo femminismo, pieno di grazia, autoironia, intelligenza e sensibilità!!!
    Vi ho convinte???

    @ Dan: vedo che hai colto il messaggio, amica mia; l'amore si costruisce ogni giorno grazie a questi piccoli gesti di affetto, comprensione e sensibilità!!!
    A presto

    RispondiElimina
  16. Dopo aver letto un libro estremamente deludente sul matrimonio,questo forse risolleverà un po' la situazione...lo cerco,lo leggo e poi ti faccio sapere ;)
    A presto

    RispondiElimina
  17. Luigi, io ho parlato di uguaglianza nei rapporti personali e non di scambio delle funzioni. Ma se io faccio da mangiare e mia moglie lava le stoviglie, non mi sento assolutamente come se fossi diventato donna. Attento la mia non vuole essere una provocazione nei tuoi confronti. Come ti ho detto cercherò il libro in Italia perché penso che, anche se lo trovassi tradotto in francese, non potrebbe darmi la stessa impressione. Buonanotte.

    RispondiElimina
  18. Condivido in pieno il pensiero di questa autrice. Vivere insieme è un'avventura ed una sfida che si rinnova ogni giorno. Oltre le giuste conquiste della donna moderna, il ruolo in famiglia di madre non può venir discusso dal lavoro o da altre velleità. I ruoli sono una cosa, le funzioni da svolgere altre... anche ad un uomo potrebbe venir voglia di dare testate vedendo una camera in disordine e poi... magari riassettare per benino :-))
    Libro da leggere!

    RispondiElimina
  19. Sembra interresante questo libro... e sono molto curiosa di quella mostra a Venezia.... se potessi andare a vedere le sue opere...

    RispondiElimina
  20. @ Eva Q: è un libro allegro, divertente e pieno di ottimismo; fammi sapere: mi interessa molto il tuo parere!!!

    @ Elio: io sono convinto che la famiglia, oggi più che mai, ha urgente bisogno che le donne ritornino ad essere fondamenta solide, forti e sicure, perchè è su di loro che si costruisce tutto!

    @ Rita: il "genio" femminile salverà il mondo; di questo sono certo: solo le donne sanno essere dolci, determinate, generose, sensibili, forti e fragili allo stesso tempo. Gli uomini, invece, sono come i bambini, bisogna solo prenderli per il verso giusto!!!

    @ Titti: grazie, amica mia, sono sicuro che lo troverai molto ricco di spunti!!!

    RispondiElimina
  21. Penso che in un rapporto di coppia debba regnare rispetto e stima per poter affrontare insieme i problemi che insindacabilmente si presentano nel corso della vita... poi in talune circostante vige sempre il detto... "chi ha più buon senso lo usi"...
    Cmq mi ha incuriosito ciò che l'autrice scrive e di sicuro leggerò il libro... grazie dell'info!!
    Ciao Luigi caro un abbraccio per uno splendido weekend... se ti aggrada passare nello Scrigno dei Tesori si sono dei premi da ritirare

    RispondiElimina
  22. hai ragione cara: senza la stima reciproca non si riesce a costruire niente!!!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  23. sarà sicuramente un libro da leggere,non importa se tutto ciò che scrive è condivisibile,buon fine settimana Luigi

    RispondiElimina
  24. Oh si, deve essere un libro davvero divertente oltre che intelligente. Quel breve estratto che hai riportato mi ha già intrigato. Lo leggerò.

    RispondiElimina
  25. @ Gabe: sapevo che questo post avrebbe suscitato un acceso dibattito Graziella e sono convinto che questo contribuisce ancor più a chiarirsi le idee!
    Buon fine settimana

    @ Ambra: grazie, amica mia, per la tua preziosa sensibilità!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao Luigi!
    Ho letto anche qualche commento e vedo che la parole sottomissione non piace, ma per far funzionare un matrimoni ci son tante parole che non piacciono ma vanno usate. Un'altra che fa aborrire tutti è compromesso assieme a silenzio e pazienza. Si, ho colto quel poco che ho letto dell'autrice e mi trova al 100% d'accordo!
    Certo, assieme a tutte queste parole ci deve essere anche l'equilibrio, sia nel dosaggio che nella distribuzione.. perché altrimenti il matrimonio è destinato a fallire...

    bellissimo post e bellissimo commenti che portano alla riflessione!!

    Un abbraccio a te!!

    RispondiElimina
  27. come sempre tu scendi in profondità sugli argomenti che propongo Sara e di questo ti sono particolarmente grato!
    Sono orgoglioso della tua amicizia!!!

    RispondiElimina
  28. Ti ringrazio Luigi... ma il merito è solo tuo che proponi tali argomenti dove io mio ci posso ficcare e godere di tanta profondità!!
    Il tuo orgoglio è anche il mio!!!
    Un abbraccio!
    :-))

    RispondiElimina
  29. Il mio punto di vista è stato già espresso benissimo da @Rosa. Nella mia esperienza, in una convivenza solida e duratura la base non dev'essere uno dei due componenti della coppia, ma la solida identità di vedute, che permette di superare sostanzialmente uniti le successive, inevitabili avversità. Un'unione che funziona, per me, è il frutto di un lavoro di squadra, ma la distribuzione dei ruoli non dev'essere rigida o preordinata: ognuno occuperà lo spazio che gli si adatta meglio, nel rispetto reciproco e contribuendo possibilmente alla pari, privilegiando così la riuscita e minimizzando i conflitti. Inoltre entrambi, nel'ambito del ruolo scelto, dovranno essere sempre pronti ad una certa flessibilità ogniqualvolta le circostanze lo richiedano.
    Ma, ripeto, questa è solo la sintesi fra la mia personale esperienza e ciò che ritengo corretto per la salvaguardia della dignità di entrambi i partner, al di là del sesso di appartenenza.
    Le ricette buone per tutti semplicemente non esistono, e la storia, per fortuna, non torna indietro.

    RispondiElimina
  30. I rapporti vivono di compromessi non c'è niente da fare, siamo diversi dalle donne in così tanti ambiti che a volte sembriamo non combaciare perfettamente. Forse c'è una sola o poche persone con cui possiamo stare, questa è la chiave. Il libro deve essere sicuramente interessante comunque, grazie della segnalazione. Un saluto

    RispondiElimina
  31. ciao Luigi. Interessante post. Il passo che hai trascritto parla di accoglienza e di servizio da parte della donna. Si, mi sembra di leggere le parole di un uomo di chiesa. Penso che l'accoglienza, il servizio, l'autorevolezza ( nei confronti dei figli e solo dei figli) appartengano alla coppia e non solo alla donna. Ci vuole una gran dedizione e una gran pazienza da parte di entrambi, che devono essere pari nel loro rapporto. Credo fermamente in questo.


    Penso che il libro debba avere un sottotitolo: Manuale di sopravvivenza....

    Ti auguro una serena domenica. Grazie per passare da me, anche quando latito...

    Con affetto.

    RispondiElimina
  32. Dev'essere un libro interessante se già un breve brano ha suscitato questa interessante discussione...Io rimango un pò perplessa di fronte a certe parole dell'autrice, sono d'accordo che la donna debba uscire da una logica dell'emancipazione, ma certo non finire in quella della sottomissione. Credo che una certa elasticità nei ruoli ed una accoglienza da entrambe le parti siano utili per la buona riuscita della coppia. Penso anche che l'essere "servizievole" fosse una dote assai desiderata dagli uomini negli anni '50, ma mi auguro che qualcosa sia cambiato da allora. Comunque poche parole estratte da un libro non sono sufficienti per giudicare. Ciao, Luigi!

    RispondiElimina
  33. Ciao Luigi, sono passata per il saluto domenicale
    Buona serata!

    RispondiElimina
  34. Luigi, ti auguro una settimana di luce raggiante!

    RispondiElimina
  35. @ Dona: hai ragione, non esistono ricette buone per tutti e perciò l'equilibrio necessario per un matrimonio duraturo e più o meno sereno si deve trovare sul campo e passa spesso attraverso la pazienza, la generosità, la comprensione e la sincerità!!!
    Buona settimana

    @ Marcello: ti auguro di trovare presto l'anima gemella, allora, se non l'hai già trovata!!!
    A presto e grazie dell'attenzione

    @ Serenella: manuale di sopravvivenza credo che sia un ottimo sottotitolo per descrivere il contenuto del libro!!!
    Un abbraccio

    @ Ninfa: sono d'accordo con te, cara, purchè la parità nella coppia non diventi appiattimento!!!
    Buona settimana

    @ Simo: auguro una grandiosa settimana anche a te!!!
    A presto

    RispondiElimina
  36. Ciao, il titolo non mi fa venire voglia di leggerlo. Ho un'idea tutta mia della vita e del matrimonio... e non voglio essere sottomessa a nessuno... per nessun motivo. Con il mio futuro marito ci sarà un rapporto alla pari. In ogni caso il mio matrimonio sarà preceduto da una lunga convivenza.
    ps: magari è solo il titolo del libro che mi porta fuori strada... perchè questo tuo post è bello...

    RispondiElimina
  37. Perfetto, Luigi. Hai solo dimenticato un aggettivo alla fine della tua risposta: reciproche. :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  38. @ Trinity: "lunga convivenza"; devo confessare che solo il pensiero mi spaventa!!!
    Ti auguro un matrimonio felice
    A presto e grazie

    @ Dona: mamma mia come sei suscettibile!!!
    Mi sembrava sottinteso no???

    RispondiElimina
  39. Per lunga convivenza intendo uno o due anni... e poi finalmente i fiori d'arancio :)

    RispondiElimina
  40. Molto molto interessante Luigi :) Prendo nota di titolo e autrice ;)

    RispondiElimina
  41. @ Trinity: mi spaventa perchè ho visto troppe coppie che dopo decenni di convivenza hanno deciso di sposarsi e si sono lasciati subito dopo il matrimonio; credo che affinchè un legame duri ci sia bisogno di un atto di volontà definitivo ed irrevocabile nella buona e nella cattiva sorte: sono un uomo all'antica e credo ancora nell'amore eterno "consacrato" davanti a Dio e agli uomini!!!

    RispondiElimina
  42. @ Maraptica: bentornata; cominciavo a sentire la tua mancanza!!!

    RispondiElimina
  43. Eccomi Luigi,
    perdona il ritardo...
    ...il mio blogroll ultimamente è scemo, a volte (come in qs. caso) non mi segnala in tempo reale i nuovi post amici in uscita...colpa sua!!!
    Sai che leggendo il titolo mi son detta "Luigi è impazzito?!?" ?
    Ah ah ah !!!!
    Ma poi mi hai, com'era prevedibie, smentita...e alla grande, dimostrandomi una volta di più la tua profonda intelligenza...quel tuo "ve lo consiglio vivamente" finale fa la differenza in te...
    Lo leggerò volentieri, anche se fin d'ora vorrei dire che sì, sono d'accordo sul fatto che la donna è più forte (non me ne voglia l'universo maschile, ma soprattutto quello maschilista), ma trovo riprovevole la potenziale circostanza x la quale questo diventa un deterrente di comodo x l'uomo...intendo dire che, con la scusa del "tu sei un caterpillar, mi fai paura", non di rado si defila dai suoi doveri e impegni del quotidiano...

    Abbraccione!

    Maddy

    RispondiElimina
  44. ciao Maddy: è ovvio che l'uomo non deve approfittarsene, altrimenti non dimostra vero amore; se davvero si vuole bene a una donna si desidera il suo bene e quindi, per quanto possibile, anche di alleviare anche i suoi pesi!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  45. ""L’uomo deve incarnare la guida, la regola, l’autorevolezza.
    La donna deve uscire dalla logica dell’emancipazione e riabbracciare con gioia il ruolo dell’accoglienza e del servizio""

    scusa ma queste parole mi fanno rabbrividire ... il mio pensiero non si rispecchia in esse nemmeno considerandole , rigirandole , cercando di comprenderle con il miglior animo possibile. Ci vedo l'ombra del sessismo e ciò oggi non è più accettabile , perdonami se sono così schietta , un abbraccio Stefania

    RispondiElimina