giovedì 14 aprile 2011

una serie di sfortunati eventi

Ho il dovere di mettere in guardia chi non avesse ancora visto questo film.
Io lo vidi il 31 dicembre di qualche anno fa: stavamo aspettando la mezzanotte per festeggiare il nuovo anno.
Terminata la visione ho tentato di far esplodere un razzetto del tutto inoffensivo, almeno per un napoletano, e mi sono bruciato un dito (devo ancora capire come ho fatto).
La mattina dopo avevo prenotato l'eurostar per Roma delle 10; vado per chiudere la valigia e si rompe la cerniera. Cerco di ripararla e non ci riesco; riesco però a perdere il treno prenotato.
Chiedo allo sportello se mi possono cambiare prenotazione per riuscire a prendere almeno il treno successivo ma mi dicono che quella mattina i terminali sono andati in tilt e non sono in grado di fare nessuna prenotazione.
Salgo su un treno regionale per riuscire ad arrivare almeno a Bologna (partivo da Verona) ed incredibilmente mi riesce di prendere un eurostar per Roma che partiva un pò in ritardo sull'orario previsto.
Neanche il tempo di pensare: "che fortuna che ho avuto" che, poco prima di arrivare a Firenze, il treno viene colpito da un oggetto non meglio identificato caduto da una collina circostante e si interrompono definitavamente i circuiti elettrici del convoglio.
Dopo un'ora di attesa aprono le porte e ci fanno scendere sulla banchina; sono le tre del pomeriggio ed il sole riscalda ancora la fredda giornata invernale.
Appena il sole si abbassa, però, i malcapitati passeggeri cominciano a gelarsi le budella e risalgono sul treno morto.
Dopo circa tre ore ci viene detto di scendere nuovamente poichè di lì a poco sarebbe arrivato un altro eurostar proveniente da Milano (già pieno di passeggeri) sul quale potevamo salire tutti.
Non so se riuscite ad immaginare la scena di centinaia di passeggeri di un treno morto che salgono su un altro treno già pieno: scene di delirio collettivo totale.
A me, tuttavia, veniva da ridere perchè veramente non riuscivo a credere a quello che mi stava succedendo.
Sono arrivato a Roma alle otto di sera.
Non credo che dimenticherò più questo film.

39 commenti:

  1. Luigi credo proprio di no..ahahahah. Dai...sfortunati eventi. e rimetto la citazione che mi piace tantissimo...
    "A volte il mondo può sembrare un luogo ostile e sinistro. Ma credeteci quando diciamo che ci sono più cose buone che cattive. Dovete osservare con attenzione. E quella che magari appare una serie di sfortunati eventi, può, di fatto, essere il primo passo di un viaggio"

    RispondiElimina
  2. Non condivido il tuo pensiero Luigi. Tutti abbiamo i nostri giorni sfortunati , e non sono influenzati da un film visto... ma sono parte del fato che influenza i nostri passi. Sta a noi cogliere i segni positivi e lasciar scorrere via quelli negativi. la tua avventura è stata disastrosa,anch'io ho viaggiato in treno e ho avuto davvero esperienze negative. mai nefaste come la tua. ma non dare al fatto più importanza di quello che ha.
    felice giorno a Te!!!
    Dandelìon

    RispondiElimina
  3. @ Laura: mi pare che queste parole descrivano molto bene quello che mi è successo; infatti ero l'unico passeggero che ha cercato di cogliere i lati positivi della vicenda!!!

    @ Dan: nonostante sia partenopeo, anche se emigrato a Verona, non sono mai stato superstizioso; non credo però nemmeno alla casualità!!!

    RispondiElimina
  4. Assolutamentre eccezionale. Sia il film che la desceizione dei tuoi "affanni". Come te non sono superstiziosa, però ci sono degli eventi che sembrano decisamente governati da una regia nascosta.

    RispondiElimina
  5. 1^ legge di Murphy: se qualcosa può andar male lo farà.

    RispondiElimina
  6. @ Ambra: nel mio caso, poi, gli eventi erano talmente univoci e concordanti...

    @ Stafano: ma sai che per il capodanno successivo mi hanno regalato il libro che raccoglie tutta la serie delle leggi di Murphy; alcune sono veramente eccezionali!!!

    RispondiElimina
  7. Incredibile, mi sa che eri stato portato per un po' nella logica del film!

    RispondiElimina
  8. Pazienza se si perdono le battaglie, l'importante alla fine è vincere la guerra
    (metaforica,assolutamente metaforica).
    Essere riuscito ad arrivare a destinazione è,a volte,una guerra vinta.

    RispondiElimina
  9. Nemmeno io credo al fato che si accanisce. A volte però, santa paletta......

    RispondiElimina
  10. @ Occhi profondi: avrai sicuramente letto la storia di Giona, nel libro più breve ed attuale della Bibbia; ecco io mi sono sentito un pò come Giona che si imbarca per fuggire all'altro capo del mondo e si scatena una tempesta in mare: i suoi compagni lo buttano fuori dalla barca perchè la sciagura li abbandoni!!!

    @ Costantino: tu si che sei un uomo saggio!!!

    @ Sandra: il film comunque è bellissimo e ti consiglio di vederlo!!!

    RispondiElimina
  11. Si, ti capisco.. quando si dice che piove sempre sul bagnato!! Succede eccome se succede... e quando vuole andare storto.. va storto! Bisogna solo aspettare che la fortuna giri di nuovo e quando gira.. gira davvero!!
    Se guardi qualcosa di positivo c'è stato.. la stai raccontando benissimo!!
    Un salutone e a preso!!
    :-))

    RispondiElimina
  12. Hai ragione Sara: quando non è giornata non c'è verso; bisogna soltanto cercare di limitare i danni!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  13. Non ho mai visto questo film, ma penso sia la sintesi di un mio pensiero ricorrente: quando una giornata inizia male, solitamente finisce peggio.
    Un abbraccio!
    Dony

    RispondiElimina
  14. potrebbero trarre un film dalla tua giornata!! :-)

    RispondiElimina
  15. il film l'ho visto... è carino... ma non sapevo che avesse questi effetti collaterali...
    gli eventi che hai vissuto sono davvero incredibili, ma ti credo... il fatto che ti veniva da ridere mentre li vivevi è comprensibile perché più una cosa sembra assurda più quella diventa l'unica reazione che si può avere...

    RispondiElimina
  16. Ma devo proprio guardarlo, si? :)

    RispondiElimina
  17. ...io ho visto il film....e mi sono comprata BEN TRE dei libri della serie (si tratta di una serie di TREDICI libri...manco a farlo apposta)....che dici, butto via tutto? :=)
    scherzi a parte ti faccio i complimenti perchè hai raccontato le tue sventure benissimo!
    a presto

    RispondiElimina
  18. Condivido il pensiero di Ambra.
    Grazie della visita do oggi. Buona serata.

    RispondiElimina
  19. Oh mamma mia !!
    Che poi a volte sembra capitare tutto insieme ;)

    RispondiElimina
  20. Nooooo, ma dai, è il potere dell'autosuggestione! Io l'ho visto due volte e non mi è successo niente :-)

    RispondiElimina
  21. Caro Luigi, pensare che il film ti abbia portato a trascorrere una giornata carica di sventure è impossibile.........non credo a queste storielle, sono casi della vita che si manifestano, ci sono giornate balorde da superare, e quando prende, prende.......

    RispondiElimina
  22. @ Dony: credo che a te piacerebbe anche il libro che raccoglie tutte le leggi di Murphy allora!!!

    @ Auryn: è una bella idea; mi offro per scrivere la sceneggiatura!!!

    @ Pupottina: la cosa comica era osservare le persone che mi guardavano ridere e non capivano perchè...

    @ Dona: sono sicuro che ti piacerebbe moltissimo!!!

    @ Cristina: sai che al termine del viaggio ho scoperto uno dei libri (l'ultimo) in camera di mia nipote undicenne e me lo sono fregato per leggerlo nel viaggio di ritorno; una vera delizia!!!

    @ Erika: meno male che ci sei tu che ci allieti sempre con foto di viaggi a lieto fine!

    @ Eva: non è che a volte "sembra" che capitino tutte insieme; mi sono capitate effettivamente tutte insieme nel giro di una giornata!!!

    @ Vele: confesso di averlo visto anch'io più volte e dopo la prima non è successo più niente di strano!!!

    @ Stefy: ne sono convinto anch'io; ammetterai comunque che le coincidenze sono sorprendenti!

    RispondiElimina
  23. Mamma mia a volte davvero sembra che tutti i pianeti si siano dati appuntamento per metterci i bastoni fra le ruote in quel caso di solito mi faccio una sonora risata e attendo un nuovo giorno!!!Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Nooo, ma poi il film se non ricordo male finisce bene, no? Io l'ho visto ma senza effetti collaterali...

    RispondiElimina
  25. caro Luigi
    devo allora dire ben ritrovato
    su myspace non mi loggo da forse due anni... blogger mi ha assorbita
    grazie di avermelo ricordato
    sì, so del problema, ma io non lo so risolvere, credo dipenda da google se ogni tanto capitano giorni in cui non si riesce a commentare
    a volte capita anche a me in alcuni blog. bisogna ritentare oppure, come hai fatto tu, trovare le scorciatoie, ossia i blog di riserva ;-)
    buon weekend e cerca di non avere più situazioni che sembrano "serie di sfortunati eventi"

    ^____________^

    RispondiElimina
  26. Mi hai fatto sorridere...d'accordo che non è capitato a me...

    piove sul bagnato, condivido...oppure ... vengono tutte insieme...

    RispondiElimina
  27. Ciao Luigi... appena hai tempo passa da me!!
    Ciao!

    RispondiElimina
  28. @ Valentina: siamo molto simili Vale; anch'io spesso mi trovo quasi a sfidare la mala sorte!!!

    @ Palmy: hai ragione è un film a lieto fine; come piacciono a me...

    @ Stella: devo confessare che a volte sono io che le attiro!!!

    RispondiElimina
  29. Poi ricordami di dirti come va inserito correttamente un video in un post... :D

    RispondiElimina
  30. No il film non c'entra, naturalmente. Ci sono giorni che sarebbe meglio finissero presto. Capita.

    RispondiElimina
  31. quando c'è qualche sfiga in giro bisogna dire che trenitalia dà spesso una mano ^_^

    RispondiElimina
  32. Ciao Luigi,
    ah ah ah, alla faccia del "cult movie"...che dici, devo tener duro e guardarlo lo stesso ?!?!?

    Bacione, felice weekend!

    Maddy

    RispondiElimina
  33. Caspita! Ma poi arrivano i momenti sereni...
    Buona Domenica

    RispondiElimina
  34. Quando ne inizia una, le altre vanno a ruota! E' un teorema!

    RispondiElimina
  35. Divertente lo spezzone di film (devo averlo visto alla televisione, ma non lo ricordo bene), ma è molto divertente anche il tuo racconto. Lo so che non si dovrebbe ridere della "serie di sfortunati eventi" che capitano agli altri, ma la tua cronaca del primo dell'anno è troppo comica...Coincidenza o no, non c'è un proverbio che dice: i guai non vengono mai da soli? E' proprio vero!

    RispondiElimina
  36. Caro Luigi qualche volta è capitata anche a me di avere giornatine così... ma pazienza... ci sarà la ragione per cui capitano... forze nostro Padre ci vuole far imparare qualcosa. Un carissimo saluto!

    RispondiElimina
  37. Ciao Luigi che sfortunate coincidenze, vedo che cque l'hai presa abbastanza ironicamente la vicenda, come sembra anche il film, divertente, spero tu abbia concluso con quella giornata tutte le tue disavventure future, il detto meglio abbondare che deficere in questo caso non e' davvero appropriato.) grazie a presto rosa

    RispondiElimina
  38. @ Dona: immagino che si possa comprimere il codice da incorporare; mi spiegheresti come si fa?

    @ Tiziana: è vero, certi giorni non vedi l'ora che finiscano!!!

    @ Fede: hai proprio ragione; Trenitalia è specializzata in fregature!!!

    @ Maddy: devi assolutamente guardarlo!!!

    @ Titti: in Giappone per il momento bisognerebbe vietarne la proiezione!!!

    @ Eva: è proprio un teorema, ed è stato anche teorizzato; poi dovrà fare un post sulle leggi di Murphy!!!

    @ Ninfa: speriamo siano finiti i guai cara!!!

    @ Mirta: hai ragione; sono eventi che ti aiutano a rimanere umile...

    @ Rosa: adesso mi aspettano soltanto eventi fortunati!!!
    A presto

    RispondiElimina
  39. Ti abbraccio, Luigi, buona e serena Pasqua anche a te!
    A presto
    Cinzia

    RispondiElimina